FI e Lega ancora contro Morra: “Non pensi a salvare la poltrona, dimissioni”

Bernini (FI): “Invece di scusarsi Morra oggi ha ripetuto in tv le sue incredibili e offensive argomentazioni contro la candidatura di Jole Santelli”

Forza Italia e Lega non mollano sul “caso Morra” continuando a chiedere le dimissioni del presidente della Commissione parlamentare antimafia per le sue dichiarazioni sulla morte di Jole Santelli e i calabresi che avevano fatto male a votare per la governatrice, prematuramente scomparsa. La polemica si è rinfocolata oggi, subito dopo l’ospitata di Morra in Rai, da Lucia Annunziata a Mezz’ora in più.

Il parlamentare grillino ha ricevuto le scuse dell’azienda, che lo scorso 20 ottobre aveva annullato la sua partecipazione a Titolo V, poi a un certo punto ha minacciato di andarsene.

Secondo la presidente dei senatori di Forza Italia Anna Maria Bernini: “Invece di scusarsi, Morra ogni volta che parla aggrava la sua situazione e oggi ha ripetuto in tv le sue incredibili e offensive argomentazioni contro la candidatura di Jole Santelli alle ultime regionali in Calabria. Nessuno è evidentemente in grado di farlo tornare alla ragione, e dunque oggi più che mai per Forza Italia resta impossibile avere qualsiasi tipo di interlocuzione con un presidente dell’Antimafia totalmente incompatibile col delicato ruolo che ricopre”.

Anche i parlamentari della Lega con un comunicato attaccano il senatore del M5S: “Dal presidente Morra ancora parole scandalose e indegne. Stavolta lo fa, ospite di Lucia Annunziata, parlando delle presenze di Jole Santelli in commissione Antimafia alludendo chiaramente, e per l’ennesima volta, alla malattia che non ha lasciato scampo alla compianta collega e presidente della Regione Calabria. Morra chieda scusa davvero, non solo con frasette di circostanza per salvare la poltrona, e si dimetta subito per consentire i lavori di una commissione fondamentale nel nostro paese”.

Matteo Salvini sui social si sfoga così: “La Rai si scusa…?!? Roba da matti. Morra indegno, chieda perdono ai malati di cancro, ai calabresi e agli italiani, e poi si dimetta”. L’ex magistrato Carlo Nordio intanto ha annunciato le sue dimissioni da consulente della commissione proprio per le parole del presidente Morra nei confronti della governatrice Santelli. “La decisione di Carlo Nordio di lasciare l’Antimafia è una ragione in più per continuare a chiedere le dimissioni di Nicola Morra”, ribadisce il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani su Twitter.

Il risultato è che la Commissione antimafia è azzoppata visto che le opposizioni hanno annunciato che non parteciperanno ai lavori fino alle dimissioni di Morra.