L’Ema anticipa al 6 gennaio il parere sul vaccino anti Covid di Moderna

L’Agenzia europea del farmaco (Ema) anticipa i tempi di autorizzazione del vaccino Covid Moderna. Von der Leyen: “Stiamo facendo buoni progressi”

L’Agenzia europea del farmaco (Ema) anticipa i tempi di autorizzazione del vaccino anti Covid Moderna, come aveva chiesto il ministro della Salute italiano Roberto Speranza.

Un comunicato spiega che: “Nelle ultime settimane, l’Ema ha compiuto buoni progressi nella valutazione della domanda di autorizzazione all’immissione in commercio per il vaccino mRna-1273 contro Covid-19 di Moderna. Un dialogo continuo con l’azienda ha fatto sì che le domande sorte durante la valutazione fossero prontamente seguite e affrontate dall’azienda”.

Il Comitato di esperti Chmp “tenuto debito conto dei progressi compiuti, ha fissato per il 6 gennaio 2021 una riunione straordinaria per concludere, se possibile, la propria valutazione” mentre la riunione inizialmente prevista per il 12 gennaio 2021 “verrà mantenuta se necessario”.

Il siero anti Covid di Moderna è considerato efficace e sicuro anche dalla Food and Drug Administration americana che si appresta ad autorizzarlo negli Stati Uniti.

La notizia della imminente autorizzazione da parte dell’Ema del vaccino Covid Moderna è stata accolta con “entusiasmo” dalla presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen. Su Twitter von der Leyen precisa che “si tratta del secondo vaccino su cui l’Ema darà una valutazione scientifica, dopo quella su BionTech/Pfizer” che è attesa per la settimana prossima. “Stiamo facendo buoni progressi nell’assicurarci i vaccini” aggiunge la presidente della Commissione europea.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →