Vaccino anti-COVID, le dosi di Pfizer-BioNTech iniziano a raggiungere l’Europa

Le prime dosi del vaccino anti-COVID messo a punto da Pfizer-BioNTech stanno raggiungendo l’Europa tramite voli cargo dagli Stati Uniti.

Gli enti regolatori europei ed internazionali non hanno ancora dato il via libera a nessuno dei vaccini contro il COVID-19 attualmente in fase di test e già entrati in produzione per ottimizzare il più possibile le tempistiche, ma in queste ore sono già partite le operazione di trasporto verso l’Europa delle prime dosi del vaccino messo a punto da Pfizer/BioNTech.

Dopo il via libera dell’Amministrazione dell’Aviazione Federale degli Stati Uniti (FAA) al trasporto speciale, i charter della compagnia aerea United Airlines hanno iniziato a fare la spola dagli Stati Uniti all’Europa. Il primo volo speciale è partito ieri dall’aeroporto internazionale di Chicago all’aeroporto internazionale di Bruxelles.

Chicago, stando a quanto riferisce il Wall Street Journal, sarà il punto di riferimento per i vari hub di distribuzione in tutti gli Stati Uniti. Le dosi di vaccino, conservate in speciali valigette-frigo, saranno trasportate all’aeroporto di Chicago da tutto il Paese e da lì raggiugneranno l’Europa arrivando a Bruxelles.

Alla compagnia aerea United Airlines dovrebbero aggiungersi presto anche altre compagnie statunitensi, così da velocizzare il più possibile il trasferimento delle dosi di vaccino in Europa e permettere all’UE di farsi trovare pronta per la distribuzione ai Paesi membri non appena arriverà l’approvazione degli enti regolatori e, quindi, la campagna di vaccinazione su larga scala potrà cominciare.

Nusco (AV), la produzione dei congelatori per il vaccino di Pfizer

Il vaccino di Pfizer-BioNTech, al momento giudicato efficace oltre il 90% e prenotato dalla Commissione Europea per oltre 300 milioni di dosi, deve essere conservato ad una temperatura costante di -80 gradi e per questo è necessario farsi trovare pronti anche con speciali frigoriferi in grado di mantenere queste temperature.

La produzione di questi speciali frigoriferi ha coinvolto anche l’Italia. Se ne sta occupando in queste settimane la sede di Nusco, in provincia di Avellino, della Desmon, parte del gruppo statunitense The Middleby Corp. La progettazione di questi ultra congelatori è stata fatta in breve tempo e la produzione è partita in questi giorni. Ogni congelatore potrà contenere fino a 5mila dosi di vaccino anti-COVID e sarà destinato a grandi strutture come case farmaceutiche, ospedali e aziende sanitarie.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →