I mercati festeggiano Biden. Trump barricato alla Casa bianca, pressing di Melania per riconoscere la sconfitta

Ai mercati piace Biden: dopo il rally delle borse asiatiche, il rimbalzo arriva in Europa. Sul fronte politico Trump non concede ancora la vittoria

I mercati finanziari, dopo la settimana sotto pressione a causa dei numeri della pandemia, festeggiano oggi lunedì 9 novembre l’elezione di Joe Biden a presidente degli Stati Uniti. Dopo il rally delle borse asiatiche, il rimbalzo arriva in Europa dove tutti i principali listini azionari aprono in rialzo. Tokyo sale del 2,12%, Hong Kong dell’1,13%, Shanghai dell’1,8% e Shenzen del 2,25% per cento.

In Europa, a Milano Piazza Affari guadagna in apertura l’1,6%, sopra i 20mila punti. Londra sale dell’1,3%, Francoforte dell’1,87% e Parigi dell’1,53%. Effetto Biden anche sul mercato secondario, con il tasso di rendimento del BTP decennale che scende sotto lo 0,62% allo 0,618%, ai minimi storici, anche in virtù della conferma, venerdì, da parte dell’agenzia di rating Moody’s del rating sul debito italiano.

In questo quadro l’euro rimane forte sul dollaro, a 1,188, e anche il prezzo del greggio è in rialzo: del 2,8% quello del petrolio WTI (texano), sopra i 38 dollari a barile (a 38,17), mentre il prezzo del Brent (quello di riferimento europeo) sale del 2,6%, scambiato a 40,17 dollari al barile.

Trump asserragliato, gli è rimasto solo Twitter

Sul fronte politico invece Donald Trump non si è ancora deciso a concedere la vittoria all’avversario Joe Biden, chiedendo il riconteggio dei voti, anche se in privato il presidente ancora in carica (fino al 20 gennaio 2021), starebbe cominciando a prendere coscienza della sconfitta, consigliato in tal senso dal suo staff ma anche dai suoi familiari più stretti, dalla figlia Ivanka, dal genero e consigliere Jared e dalla moglie Melania.

Trump intanto continua a postare su Twitter video in cui si vedono rappresentanti repubblicani e alcuni giornalisti di Fox News che contestano i risultati del voto. Il social quando non censura i post di Trump bollandoli come fake, come fatto più volte nei giorni scorsi, inserisce l’avviso: “Questa dichiarazione su una frode elettorale è contestata”.

Il comitato consultivo del Center for Presidential Transition, Ong bipartisan, in un comunicato  che si può leggere su Politico invita Trump a deporre l’ascia di guerra e a non fomentare ulteriori tensioni in questi due mesi che precedono il passaggio di consegne con Biden.

“È stata una campagna combattuta ma la storia è piena di esempi di presidenti che emergono da tale campagne accompagnando benevolmente i loro successori. Anche se ci saranno confronti nei tribunali che richiederanno un giudizio, il risultato è sufficientemente chiaro perché il processo di transizione possa ora cominciare” scrive la Ong.

Il documento è firmato anche da repubblicani, tra gli altri dal capo dello staff della Casa Bianca di George W. Bush, Josh Bolten, e dall’ex governatore repubblicano dello Utah, Michael Leavitt.

I Video di Blogo.it

Ultime notizie su Elezioni USA

Tutto su Elezioni USA →