Juliette Gréco è morta: addio alla cantante e attrice francese

La musa dell’esistenzialismo si è spenta a 93 anni.

Si è spenta oggi, mercoledì 23 settembre 2020, la cantante e attrice francese Juliette Gréco, all’età di 93 anni, compiuti lo scorso 27 febbraio. La comunicazione è stata data dalla sua famiglia, che ha annunciato che è morta circondata dall’affetto dei famigliari nella sua amata casa di Ramatuelle.

La sua è stata una vita straordinaria ed è considerata la musa dell’esistenzialismo. Nata a Montpellier, da giovanissima è stata un’attivista politica, tanto che a 15 anni è stata arrestata e picchiata dalla Gestapo quando la Francia era occupata dai nazisti. È stata loro prigioniera per dieci giorni. Da ventenne si è trasferita in Indocina dalla madre, che era separata dal padre fin da quando lei era molto piccola.

Tornata a Parigi ha frequentato celebri poeti, pittori e musicisti e fu Jean-Paul Sartre a scrivere il testo del suo primo successo da cantante, “Rue des Blancs-Manteaux”. Tra i suoi amori c’è anche Miles Davis, poi sposò Philippe Lemaire, dal quale ebbe la sua unica figlia (morta nel 2016).

Ha avuto una storia anche con il fondatore della 20th Century Fox Darryl Zanuck, che era di 25 anni più vecchio di lei. La relazione con Zanuck le permise di approdare a Hollywood. Tra i suoi principali successi da attrice c’è “Belfagor, il fantasma del Louvre”.

Si è sposata altre due volte, con Michel Piccoli, che ha poi lasciato per noia, e con il musicista Gérard Jouannest, con cui è rimasta per più di trent’anni e da cui solo la morte l’ha separata.