Eboli: arrestato il sindaco appena rieletto

Massimo Cariello è ai domiciliari con le accuse di corruzione, rivelazione di segreto d’ufficio, abuso d’ufficio e falso ideologico

Massimo Cariello, appena rieletto sindaco di Eboli (Salerno), è stato arrestato e posto ai domiciliari. Esponente del centrosinistra, Cariello si è riaffermato con il 79,8 per cento e 15.261 voti, ma il suo secondo mandato potrebbe durare molto poco. Il pm Francesco Rotondo, infatti, lo ha posto al centro dell’inchiesta che ha portato anche all’interdizione dai pubblici uffici per quattro funzionari dei Comuni di Eboli e Cava dei Tirreni.

Sotto la lente d’ingrandimento sono finite alcune procedure di concorsi per assunzioni di persone ritenute vicine al sindaco. Le ipotesi di reato, nelle indagini condotte dalla Guardia di Finanza, sono di corruzione, rivelazione di segreto d’ufficio, abuso d’ufficio e falso ideologico. Supportato da liste di centrosinistra gravitanti in area PD, Cariello aveva appena formato la nuova giunta comunale di Eboli, ma ora il suo posto sarà preso dal vicesindaco Luca Sgroia. Fratello del presidente del tribunale del Riesame di Salerno, Guido, Sgroia è ritornato alla politica attiva dopo un’assenza lunga 12 anni.

I Video di Blogo.it

Ultime notizie su Elezioni comunali

Tutto su Elezioni comunali →