Al via la campagna di vaccinazione Covid negli USA, prima dose a New York

La campagna di vaccinazione è partita ufficialmente oggi. Trump cambia i suoi piani sui dirigenti della Casa Bianca

La campagna di vaccinazione contro il coronavirus negli Stati Uniti è partita ufficialmente oggi con il primo vaccino che è stato somministrato a New York, nel Queens, al Long Island Jewish Medical Center.

La prima in assoluto a vaccinarsi con il siero anti coronavirus americano, quello di Pfizer/Biontech, è stata, intorno alle 9 del mattino ora locale, l’infermiera afroamericana Sandra Lindsay che ha commentato così: “Mi auguro che questo segni l’inizio della fine di un periodo doloroso della nostra storia”.

La somministrazione del vaccino è avvenuta davanti a decine di macchine fotografiche e telecamere, nella nazione che registra ancora in questi giorni il maggior numero di contagi giornalieri a livello globale, oltre 243mila ieri, secondo i dati dell’Oms aggiornati al 13 dicembre.

Il presidente americano Donald Trump, ancora in carica fino al 20 gennaio, giorno del passaggio di consegne con Joe Biden, via Twitter ha esultato per il via alla campagna di vaccinazione negli USA: “Il primo vaccino è stato somministrato. Congratulazioni Usa! Congratulazioni mondo!”.

Trump nelle ultime ore ha cambiato idea sul piano inizialmente predisposto, confermato anche dal consiglio di sicurezza nazionale, sui primi soggetti che dovranno ricevere il vaccino anti Covid. “Le persone che lavorano alla Casa Bianca dovrebbero ricevere il vaccino un po’ più tardi nel programma, salvo specifiche necessità. Ho chiesto che sia fatta questa modifica”, ha spiegato il presidente sui social.

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →