La Regione Lazio inizia a vaccinare il personale scolastico. E le altre Regioni?

Il personale scolastico sarà vaccinato a breve in alcune Regioni d’Italia, mentre in altre la campagna procede a rilento. A che punto siamo?

La Regione Lazio è pronta a partire con la vaccinazione del personale scolastico e universitario, confermando il sistema di prenotazione già testato con gli over 80. Le prenotazioni scatteranno dalla mezzanotte del 18 febbraio, ma si procederà per fasce di età relativamente al personale scolastico e universitario, docente e non docente fino a 55 anni di età.

Chi ha tra i 45 e i 55 anni potrà prenotarsi già a partire dalla mezzanotte del 18 febbraio. La fascia di età compresa tra 35 e 44 anni potrà prenotarsi dalla mezzanotte del 22 febbraio, mentre gli under 34 avranno il via liberà dalla mezzanotte del 26 febbraio prossimo.

La Regione Lazio, però, non è la prima a partire con gli insegnanti e il personale scolastico, ma è sicuramente tra quelle più avanti con la campagna di vaccinazione. Il Piemonte ha già aperto la preadesione al vaccino per il personale scolastico e universitario, docente e non docente. Non una vera e propria prenotazione, ma una manifestazione di adesione da cui le autorità sanitarie della Regione potranno partire per prenotare gli appuntamenti per la vaccinazione avvisando i cittadini tramite un SMS o una mail ai recapiti lasciati in fase di preadesione. Le somministrazioni per il personale scolastico inizieranno il 19 febbraio.

La Sicilia ha avviato pochi giorni fa la fase di vaccinazione che interessa le forze armate, il personale scolastico e gli addetti ai servizi essenziali, anche se gli insegnanti dovranno attendere ancora qualche giorno dopo la giornata dimostrativa coi primi vaccini lo scorso 15 febbraio. L’ASP di Palermo sta per lanciare il link che permetterà gradualmente agli insegnanti di prenotarsi per ricevere la prima dose.

La Regione Toscana è quella con uno dei siti ufficiali più chiari sul fronte dei vaccino tra tutte le Regioni e Province Autonome. La nuova fase è partita il 15 febbraio scorso e al momento, come si evince dallo schema, si sta procedendo con le prenotazioni del personale scolastico e dei rappresentanti di forze dell’ordine e forze armate tra i 18 e i 55 anni.

piano vaccini toscana

La Provincia Autonoma di Bolzano inizierà a vaccinare il persone delle scuole il 20 febbraio prossimo, mentre il Friuli Venezia Giulia si è già portato avanti facendo scattare la nuova fase il 15 febbraio.

Piano Vaccini Friuli

Vaccino per il personale scolastico. Le altre Regioni in partenza

La Regione Veneto partirà il 22 febbraio con la profilassi per il personale scolastico. Le prenotazioni sono già aperta sulla piattaforma “Voglio vaccinarmi” delle varie ULSS della Regione guidata da Luca Zaia.

La Regione Marche ha ufficializzato che “dal primo marzo inizierà somministrazione dei vaccini al personale della scuola” e dal giorno successivo “alle forze di polizia, a magistratura, forze armate, vigili del fuoco, polizia locale e volontari della protezione civile più personale civile prefetture e delle Questure“.

Anche la Regione Abruzzo partirà il 1° marzo, ma già da ieri ha lanciato la possibilità per il personale docente e non docente delle scuole e università abruzzesi di manifestare l’interesse a ricevere il vaccino di AstraZeneca.

La Calabria partirà la prossima settimana. Oggi il governatore Nino Spirlì ha annunciato che dalla prossima settimana, e per circa due settimane, le scuole di ogni ordine e grado resteranno chiuse in tutta la Calabria per permettere la vaccinazione di tutto il personale scolastico:

Cominceremo a vaccinare da lunedì o mercoledì. La proposta che ad oggi sembra essere stata condivisa è che le scuole rimangano chiuse per la durata della vaccinazione. Per vaccinare 59mila operatori serviranno 2-3 settimane con attivazione della Dad.

In diretta con il resoconto della trasferta a Roma ed altre info. Seguitemi

Posted by Nino Spirlì on Wednesday, February 17, 2021

Vaccino per gli insegnanti. Chi deve ancora decidere

La Regione Campania non ha ancora annunciato neanche la data di partenza delle inoculazioni per le Forze dell’ordine e le Polizie Municipali. Oggi una nota sul sito ufficiale della Regione guidata da De Luca avvisa i cittadini che la campagna vaccinale sta proseguendo e che “nei prossimi giorni potranno accedere alla piattaforma dedicata alle adesioni anche le Forze dell’ordine e le Polizie Municipali“.

Anche l’Emilia-Romagna è rimasta indietro sulla tabella di marcia. La Regione ha fatto partire il 16 febbraio la vaccinazione per gli over 85, precisando che a quella data il 40% degli interessati aveva già effettuato la prenotazione. Dal 1° marzo, invece, sarà la volta della fascia di età subito inferiore, i cittadini dagli 80 agli 84 anni.

La Regione Puglia ha già fatto partire le prenotazioni per docenti e personale non scolastico, raccolte dai dirigenti degli istituti di ogni ordine e grado della regione su indicazione dell’Ufficio scolastico regionale.

La Liguria dovrebbe concludere la Fase 1, quella dedicata agli operatori sanitari e agli ospiti delle RSA entro la fine del mese e in parallelo, prima dell’inizio di marzo, dare il via alla fase successiva e inoculare le prime dosi agli insegnanti e al personale scolastico. Ad oggi, però, la data di avvio della somministrazioni del vaccino di AstraZeneca non è ancora stata confermata.

Indietro anche la Regione Umbria, che dal 25 febbraio aprirà le prenotazioni a tutti i cittadini nati da febbraio a dicembre 1941, quelli nati nel 1939 e in tutti gli anni precedenti.

Nessuna ufficialità neanche dalla Sardegna, dove a giorni partirà invece la vaccinazione degli over 80, ma l’Ufficio Scolastico Regionale sta già raccogliendo le adesioni del personale scolastico. Stesso discorso per il Molise, che il 19 febbraio inizierà a vaccinare gli over 80.

La Provincia Autonoma di Trento sta mettendo a punto il calendario ed è pronta a renderlo noto già in settimana. Si inizierà con i 2mila operatori delle scuole dell’infanzia, che riceveranno l’avviso e la vaccinazione direttamente dal proprio medico di famiglia.

Anche la Basilicata sta perfezionando il programma in questi giorni. Il responsabile della task force Coronavirus della Regione, Ernesto Esposito, ha spiegato che “si sta procedendo con gli ultraottantenni e tra la fine di febbraio e gli inizi di marzo cominceremo anche con i vaccini AstraZeneca per i soggetti al di sotto del 55 anni dando priorità, come indicato dalle linee guida ministeriali, al personale docente e non docente di scuole e università e alle forze dell’ordine“.

Tutto ancora da definire anche in Lombardia, dove in questi giorni si sta provando a mettere a punto “le adesioni alla campagna di vaccinazione da parte delle Forze dell’Ordine e del personale scolastico“.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →