COVID-19 nel Regno Unito. Gli esperti: “Raggiunto il punto di non ritorno”

La curva dell’epidemia continua a salire e il premier Johnson annuncerà nelle prossime ore nuove e pesanti restrizioni per le aree più colpite.

La prima ondata della pandemia di COVID-19 nel Regno Unito è stata brutale, ma non sembra sia servita da lezione al governo britannico su come affrontare la seconda ondata senza commettere i gravissimi errori commessi quando il nuovo virus si è affacciato per la prima volta nel Paese.

La curva dell’epidemia è tornata a salire in modo preoccupate negli ultimi giorni e oggi uno dei massimi esperti di virus ed epidemie del Regno Unito, il professor Jonathan Van-Tam, principale consulente del governo su questioni sanitarie, ha annunciato che l’epidemia ha raggiungo un nuovo punto di non ritorno, come accaduto lo scorso marzo, e che le prossime settimane saranno probabilmente le più dure e difficili da affrontare, con la stagione invernale e influenzale ormai arrivata e un Paese che sta correndo in direzione contraria rispetto a quello che dovrebbe fare.

Purtroppo, così come la notte segue il giorno, i decessi aumenteranno nelle prossime settimane. Ci stiamo avviando verso i freddi mesi invernali e ci stiamo muovendo controvento.

La soluzione, secondo il dottor Van-Tam, è solo e soltanto una: limitare i contatti sociali tra le persone. E questo, in estremo, significa lockdown.

Il piano allo studio del governo di Boris Johnson

Fino ad oggi, da quando la curva dei contagi ha ripreso a salire in modo preoccupante, le soluzioni varate dal governo di Boris Johnson sono state discutibili e del tutto inefficaci, a cominciare da quella “regola dei 6” che per settimane ha permesso ai cittadini britannici di condurre una vita pressoché normale, a patto di non radunarsi in gruppo maggiori di sei persone.

Ora che il fallimento delle misure in atto è stato ufficializzato, bisogna correre tempestivamente ai ripari. Domani il primo ministro Johnson annuncerà una serie di importanti restrizioni che varieranno a seconda delle aree del Paese e dal modo in cui la pandemia si sta propagando.

Il governo punta ad implementare un sistema di classificazione a tre livelli con limitazioni specifiche a seconda del livello. I dettagli sono ancora in corso di definizione in queste ore, ma gli esperti sostengono già che un sistema non uniforme rischia soltanto di creare confusione tra i cittadini.

Il livello più alto, quello in cui finiranno le aree del Paese più colpite dalla pandemia di COVID-19, dovrebbe consistere in una sorta di vero e proprio lockdown, con pub e ristoranti chiusi al pubblico e spostamenti profondamente limitati per i cittadini, mentre il livello più basso, dovrebbe consistere in limiti di orari per l’apertura dei negozi, divieti di assembramento più restrittivi di quelli in vigore oggi.

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →