Confcommercio, saldi: -1 miliardo di euro causa Covid

In alcune regioni i saldi partiranno il 2 gennaio in piena zona rossa e con i negozi chiusi: Confcommercio stima le perdite

Prendono il via domani in diverse regioni i saldi invernali, ma per via dell’emergenza Covid e la zona rossa che avrà una tregua solo il 4 gennaio, i negozi saranno chiusi. Secondo le stime dell’Ufficio Studi di Confcommercio si stima che gli italiani spenderanno durante i saldi circa 4 miliardi di euro contro i 5 dell’anno scorso, per una perdita di 1 miliardo. Il calendario dei saldi, sottolinea ancora la Confederazione Generale Italiana delle Imprese delle Attività Professionali e del Lavoro Autonomo, è ancora un rebus.

Saldi invernali: alcune regioni rinviano a fine mese

Le prime regioni a partire saranno Basilicata, Valle d’Aosta e Molise, ma è dal 7 gennaio che i saldi entreranno realmente nel vivo (sempre che non arrivino dal governo nuove restrizioni). Per quella data si potrà acquistare con gli sconti anche in Lombardia, Piemonte e Sicilia. Seguirà l’Umbria il 9 gennaio, poi il Lazio il 12, le Marche il 16 assieme alla Provincia Autonoma di Bolzano (esclusi i comuni non turistici). Altre Regioni hanno invece deciso di rimandare tutto a fine mese: in Liguria, ad esempio, i saldi partiranno il 29 gennaio, mentre il 30 toccherà a Emilia Romagna, Toscana e Veneto. In queste aree, però, sono consentite vendite in promozione anche nei 30 giorni precedenti l’inizio dei saldi.

In totale parteciperanno secondo le stime 15 milioni di famiglie con una spesa media di circa 110 euro. I saldi avranno una durata variabile, da quattro settimane, come ad esempio in Toscana, ai due mesi.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Prezzi e tariffe

Tutto su Prezzi e tariffe →