Ciondolo contro i virus, il segretario del sindacato di polizia Siap nella bufera

Ciondolo contro i virus, il segretario del sindacato di polizia Siap nella bufera

Il segretario del sindacato di polizia Siap Giuseppe Tiani promuove un ciondolo in grado di inibire qualsiasi virus di segno positivo. L’assurdo video.

Nel 2020 in Italia, in piena pandemia di COVID-19 che sta provando migliaia di morti, succede anche questo: il segretario nazionale del sindacato di polizia Siap Giuseppe Tiani interviene in videochiamata durante una riunione della commissione Affari costituzionali della Camera e, come un televenditore di fuffa qualsiasi, ciondolo micropurificatore d’aria di produzione israeliana che sarebbe in grado di inibire “qualsiasi virus di segno positivo“, incluso ovviamente il COVID-19 (che non viene nominato direttamente da Tiani).

La follia di Tiani – non soltanto segretario nazionale del sindacato di polizia Siap, ma anche presidente di InnovaPuglia – non sembra avere limiti: il sindacalista, uno che sulla carta dovrebbe tutelare i lavoratori e sapere cosa è meglio per loro, parla di tecnologia avanzata mentre stringe tra le mani un pezzo di ferraglia e si dice convinto che quell’inutile ninnolo dovrebbe essere dato in dotazione alle forze di polizia e agli operatori sanitari del Paese.

La figura di Tiani non è nuova alle polemiche. Lo scorso anno, quando fu scelto come presidente di InnovaPuglia, la società controllata dalla Regione Puglia per la programmazione strategica a sostegno dell’innovazione ICT, il suo passato da militante di estrema destra tornò in auge con forza, ma le polemiche non servirono a tenerlo lontano da quella posizione.

Oggi, però, dopo questo siparietto imbarazzante messo in piedi da quella che a tutti gli effetti è una persona che ricoprire una carica istituzionale e che ha responsabilità enormi, non soltanto in Puglia, Tiani ha deciso di fare un passo indietro, almeno per uno dei due incarichi ricoperti.

Ciondolo contro i virus, l’assurda difesa di Tiani

Tiani ha annunciato in queste ore di aver lasciato la presidenza di InnovaPuglia, rimettendo l’incarico nelle mani del governatore della Puglia Michele Emiliano, ma sembra che il suo posto come segretario del SIAP sia al sicuro. Non soltanto il sindacato non ha preso le distanze da Tiani, ma ha anche veicolato l’assurda nota firmata dal segretario nazionale che giustifica quell’intervento:

A margine di un ben più articolato intervento in tema di immigrazione e sicurezza, in cui venivano richieste risorse finanziarie adeguate per la specificità e maggiori tutele legali, operative e sanitarie per il personale delle forze di polizia, è stato richiesto anche l’utilizzo della tecnologia più all’avanguardia evidenziando ai presenti l’esistenza di uno strumento, pubblicizzato da diversi mesi dalla ditta costruttrice attraverso importanti e qualificati quotidiani nazionali e la cui scheda tecnica non è stata mai smentita, che potrebbe essere utile per la salute degli operatori attraverso la salubrità degli ambienti di lavoro dei poliziotti che operano nei diversi teatri operativi, inclusi gli stessi mezzi di servizio.

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →