Vaccino, in Italia la prima dose sarà iniettata domenica a una infermiera dello Spallazani

Domenica 27 dicembre è il V-Day e la prima dose andrà a una infermiera dello Spallanzani. L’Esercito lo distribuirà in tutta Italia.

Da una nota dell’Inmi Spallazani di Roma è emerso che la prima vaccinata in Italia sarà un’infermiera dello stesso Istituto romano. Succederà, ovviamente, nel V-Day europeo, il 27 dicembre.

Nella domenica dopo Natale partirà infatti la grande campagna di vaccinazione in tutta Europa, una campagna che inizialmente coinvolgerà solo il personale sanitario e i soggetti deboli e a rischio, in particolare gli anziani che si trovano nelle RSA.

Subito dopo l’infermiera dello Spallanzani, toccherà a due medici, un operatore socio-sanitario e una ricercatrice. Saranno loro le prime cinque persone vaccinate in Italia con il vaccino anti-Covid Pfizer-BioNTech, finora l’unico autorizzato dall’Ema, l’Agenzia dei medicinali europea, in attesa che l’ok arrivi anche per il vaccino di Moderna, che è già pronto, e poi mano mano per gli altri, tra cui l’italiano AstraZeneca.

Il Professore Masimo Galli, che è il direttore del reparto Malattie infettive dell’Ospedale Sacco di Milano, ha detto che in Lombardia sarà lui stesso uno dei primi a fare il vaccino il 27 dicembre, per dare a tutti con chiarezza il messaggio “arriva il vaccino e io me lo faccio subito”. Galli, infatti, ha detto:

È corretto dare un segnale forte e chiaro. Il punto non è vaccinare i vecchi babbioni come me, il punto diventa l’estensione della vaccinazione a tutta la popolazione.

Quando a “L’aria che tira” su La7 gli è stato chiesto se farebbe il vaccino davanti alle telecamere per sensibilizzare l’opinione pubblica, come del resto stanno facendo alcuni capi di Stato, lui hai detto:

Non so come succederà esattamente, spero non si arrivi a nulla di spettacolarizzato e grottesco.

Vaccino in Italia: l’esercito distribuirà le dosi

Come si sa ormai da settimane, sarà l’esercito a occuparsi della distruzione in Italia delle dosi di vaccino anti-Covid che arriveranno dagli stabilimenti della casa farmaceutica tedesca Pfizer che si trovano in Belgio. Dopo le prime vaccinazioni del 27 mattina allo Spallanzani, il pomeriggio dello stesso giorno partirà la campagna di vaccinazione in tutte le Regioni italiane. La prima tranche prevede la distribuzione di 1.620 dosi alla Lombardia, 955 al Lazio, 685 alla Sicilia, 910 al Piemonte e così via.

Le Regioni e il ministero della Salute hanno individuato 287 hub in tutta Italia, per lo più ospedali e Asl, per la consegna del vaccino. Ricordiamo che per la conservazione servono apposite celle frigorifere a -70°C.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →