Sciopero Amazon 22 marzo: ecco cosa c’è da sapere

Lunedì 22 marzo lo sciopero di Amazon Italia potrebbe causare alcuni ritardi nelle consegne previste dall’azienda. Ecco cosa c’è da sapere.

È noto già da diversi giorni: domani lunedì 22 marzo Amazon Italia sarà in sciopero per 24 ore. Non è il primo sciopero che coinvolge l’azienda, tuttavia i sindacati lo hanno definito “il primo sciopero al mondo dell’intera filiera di Amazon”. Infatti coinvolgerà tutti i lavoratori della logistica, dai magazzinieri agli impiegati dei centri di smistamento, fino agli autisti delle aziende di trasporti.

Le motivazioni dello sciopero, rese note dai sindacati, si basano su una serie di richieste riguardo la tutela dei lavoratori. L’azienda infatti è stata spesso al centro di critiche per quanto riguarda il trattamento dei propri dipendenti, giudicato come particolarmente duro e dedito unicamente alla velocità nell’impacchettare e consegnare le merci – fattori che, effettivamente, sono tra i cavalli di battaglia del colosso dell’e-commerce.

L’idea sarebbe di aprire delle trattative proprio sui ritmi di lavoro dei dipendenti, verificare e contrattare i turni, ridurre l’orario di lavoro dei driver e, più in generale, chiedere il rispetto delle normative riguardanti la salute e la sicurezza dei dipendenti. L’azienda, continuano i sindacati, sembra essersi resa indisponibile a dialogare e tantomeno a negoziare.

Sciopero Amazon: ci saranno ritardi nelle consegne?

Non è chiaro se e in quale misura i lavoratori aderiranno allo sciopero. La quantità di dipendenti potenzialmente coinvolta si attesta sui 40mila, e non è escluso che le consegne previste nella giornata di domani 22 marzo possano subire dei rallentamenti o dei ritardi. Proprio in virtù del fatto che tutti i settori di lavoro sono stati chiamati ad aderire, è possibile che tutte le attività possano risultarne bloccate. Non è tuttavia possibile prevederlo con sicurezza.

La Federconsumatori, comunque, ha aderito per solidarietà allo sciopero e ha invitato i propri soci a non effettuare alcun acquisto su Amazon nella giornata di domani.

“Federconsumatori, da sempre impegnata per la sostenibilità sociale del mercato, per aumentare la consapevolezza dei consumatori anche su questi delicati temi, ha deciso di aderire per solidarietà allo sciopero del 22 marzo, invitando i suoi soci a non effettuare acquisti sulla piattaforma in questa giornata.
Un piccolo gesto che darà più forza a tutti: a chi chiede di lavorare in condizioni sostenibili ed a chi acquista, rendendolo protagonista di scelte e comportamenti volti al cambiamento degli stessi modelli produttivi, orientandoli sempre più all’equità ed al rispetto dei diritti e della sicurezza”. 

I Video di Blogo