Sciatori ammassati nella funivia a Cervinia: il video

Si è aperta la stagione sciistica e già migliaia di sciatori si sono precipitati sulle piste di Breuil-Cervinia, ammassandosi nella funivia. Video.

Mentre il Paese è preoccupato per la possibilità di un nuovo lockdown o comunque di nuove pressanti restrizioni che limiteranno fortemente la libertà di spostamento dei cittadini, ce ne sono alcuni che, fregandosene della situazione, si sono precipitati sulle piste di Breuil-Cervinia nel primo giorno di apertura della stagione sciistica.

Circola un video che ha fatto indignare tutti in cui si vedono chiaramente decine e decine di sciatori amatoriali ammassati nella funivia. Molto peggio di un assembramento, vista l’alta concentrazione di persone in un luogo strettissimo e sostanzialmente chiuso.

1

Nel video si vede che tutti indossano caschi e cappellini, ma più che la mascherina chirurgica, usano la maschera da sci per proteggersi, anche se difficilmente può essere considerata efficace. Il video è stato girato da uno degli sciatori che era presente nella funivia e che ha pubblicato su Facebook specificando di essere sceso immediatamente a valle a bordo della funivia, rinunciando alle discese dopo aver notato che troppa gente aveva avuto accesso agli impianti di risalita.

Più che l’incontenibile voglia di correre subito a sciare già dal primo giorno di apertura, a far indignare è ovviamente il fatto che a queste persone sia stato concesso di salire così in tanti sulla funivia, infischiandosene del distanziamento. Ma non basta, perché a quanto pare ci sono state anche delle lunghe code alle casse, visto che circa 2200 persone si sono presentate sulle piste nella prima giornata di apertura. E anche in coda la fila non sembrava rispettare il distanziamento di almeno un metro da persona e persona.

Molto probabilmente nei prossimi giorni i gestori degli impianti saranno chiamati a rispondere e a spiegare perché sia stato possibile ritrovarsi a commentare una situazione del genere in un momento in cui la soglia d’attenzione dovrebbe essere massima.

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →