Roma: sgomberi a Cinema Palazzo e nella sede di Forza Nuova

Roma: iniziate alle prime luci dell’alba le operazioni di sgombero del Cinema Palazzo e della sede di Forza Nuova

Operazione della polizia dalle luci dell’alba nella capitale: sono iniziate a Roma le operazioni di sgombero del Cinema Palazzo in piazza dei Sanniti, a San Lorenzo, e la sede di Forza Nuova, partito di estrema destra, in via Taranto, a San Giovanni. Il Cinema Palazzo è occupato dal 15 Aprile 2011 da persone autodefinitesi “cittadini, artisti, studenti, attivisti di spazi sociali e associazioni”, ma già nel 2019 era stato posto sotto sequestro, salvo essere rioccupato poco dopo in seguito alla rottura dei sigilli apposti dalle autorità.

Stamattina, a dare la notizia dell’inizio dello sgombero è stato proprio Nuovo Cinema Palazzo, che ha pubblicato due post nel giro di pochi minuti sul proprio profilo Facebook. “Svegliamoci Roma, Svegliamoci San Lorenzo. La prepotenza è arrivata col buio e ha occupato il Cinema Palazzo e piazza dei Sanniti. Ora – si legge ancora nel post – sta uscendo il sole e oggi non abbiamo niente di più importante da fare che dimostrare che non ci stiamo. Portate con voi creatività, energie, forza e pazienza. Sarà una giornata lunga, abbiamo tutto il tempo di dare il nostro contributo. Da adesso in poi ci vediamo a via degli Ausoni sotto il pastificio Cerere. ‘Ognuno di noi deve dare qualcosa in modo che alcuni di noi non siano costretti a dare tutto'”.

Chi comanda a Roma?Lo sgombero del Nuovo Cinema Palazzo pone diversi interrogativi. Il primo è come mai in questa fase…

Posted by Nuovo Cinema Palazzo on Wednesday, November 25, 2020

Forza Nuova: “Falsa pandemia, Roma sarà liberata”

Contestualmente allo sgombero di Cinema Palazzo, sono partite le operazioni per liberare anche i locali locali Ater al civico 57 in via Taranto, a San Giovanni, che attualmente ospitano la sede di Forza Nuova. Anche in questo caso, il partito di estrema destra ha manifestato le proprie rimostranze con una lunga dichiarazione da parte del leader romano Giuliano Castellino, che tira in ballo anche l’emergenza coronavirus e prendendo di mira la sindaca Virginia Raggi.

“In piena emergenza Covid, dove con la falsa della pandemia stanno riducendo alla fame gli italiani e ci stanno scippando tutte le libertà personali e costituzionali, anche gli spazi di libertà, strappati alla speculazione, al degrado e al malaffare finiscono nel tritacarne dell’oppressione. Mentre a Roma continua a vigere il coprifuoco, migliaia di saracinesche chiudono o non hanno riaperto, mentre avanzano nuove povertà, non cessano le emergenze abitative, mentre Roma rimane sommersa da rifiuti, immigrati e rom la fanno da padrone, le borgate muoiono, mentre gli sgherri della Sindaca, la Polizia Locale, tiranneggiano e taglieggiano i romani, la Raggi decide di sgomberare e chiudere gli spazi liberi”.

“Ancora una volta in nome di una presunta legalità, calpestata con i Dpcm, si attaccano le opposizioni e si tenta di tappare la bocca a chi ha deciso di sfidare il regime – prosegue Castellino – Aggregazione, cultura, controinformazione, lotte sociali spaventano i nuovi tiranni di Roma e d’Italia! La Raggi ha murato solo una sede, non certo la nostra rabbia, la nostra sete di libertà e di giustizia sociale. Roma sarà liberata. Dalla dittatura criminale e terrorista del Covid e anche dalla Raggi, peggior sindaco della storia della Capitale, che gioca la solita, e ormai superata dalla storia, carta dell’antifascismo per racimolare qualche voto. La repressione non ci ferma. La rivoluzione è come il vento!”.

I Video di Blogo