Parigi è zona scarlatta: restrizioni per bar e ristoranti

Parigi giunge al penultimo grado di allerta prima della zona rossa, come Marsiglia e Aix-en-Provence: bar chiusi, ristoranti aperti con restrizioni

Parigi è ufficialmente zona scarlatta, ovvero il penultimo livello di allerta. Il direttore generale dell’agenzia sanitaria dell’Ile-de-France, Aue’lien Rousseau, ha precisato che il tasso di incidenza è arrivato alla soglia dei 260 contagi su 100mila persone e che “nei reparti di rianimazione i malati Covid occupano il 36% dei letti” (questo limite era stato fissato al 30%). Insomma, la capitale della Francia e la banlieue hanno superato i tre limiti fissati dalle autorità per le zone rosse. Come Marsiglia e Aix-en-Provence, dunque, la situazione di Parigi è altamente preoccupante, con la zona scarlatta che rimarrà in vigore per 15 giorni, dopodiché saranno fatte le verifiche del caso in merito all’evoluzione della pandemia.

Parigi: bar chiusi, restrizioni per ristoranti, palestre e piscine

Le nuove misure in vigore nella capitale da domani sono state presentate dal prefetto Didier Lallement. Nel corso di una conferenza stampa, Lallement ha confermato che i bar rimarranno chiusi per 15 giorni, mentre i ristoranti potranno rimanere aperti anche se con forti restrizioni. Vietato il consumo di alcol per le strade, mentre i mercatini rimarranno aperti. Restrizioni per palestre e piscine, che potranno accogliere solo minorenni. Al momento non risultano restrizioni per musei e altri luoghi di cultura.

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →