Napoli: 11enne si uccide lanciandosi dal balcone, istigazione al suicidio?

Bambino di 11 anni si lancia dal 10 piano a Napoli: si indaga per istigazione al suicidio, non si esclude la pista social

Tragedia a Napoli, nella Prima Municipalità: un bambino di 11 anni si è suicidato la notte scorsa lanciandosi dalla finestra di casa, al decimo piano. Il sospetto della Polizia, che ha avviato le indagini del caso, è che la vittima sia stata spinta in qualche modo al folle gesto. Si indaga alla ricerca di episodi di bullismo, ma non si esclude nemmeno la partecipazione ad una di quelle challenge che vanno tristemente di moda sul Web. I social network, purtroppo, sono pieni di istigazioni alla partecipazione a sfide estreme in cui ragazzini vengono spinti a superare prove che vanno fino all’autolesionismo e, appunto, al suicidio.

Secondo la prima ricostruzione, il bambino si è lanciato nel vuoto poco dopo la mezzanotte impattando con un ballatoio sottostante. I soccorsi giunti sul posto non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. A chiamare il 118 sono stati i familiari del giovane suicida, che dopo averlo cercato all’interno dell’appartamento, hanno fatto purtroppo la triste scoperta. La Squadra Mobile della Questura di Napoli, che ha avviato le indagini, coinvolgerà anche la Postale, per analizzare lo smartphone del bambino alla ricerca di contenuti eventualmente legati al suicidio.

Il messaggio alla mamma prima del suicidio

Prima di lanciarsi nel vuoto, l’11enne ha lasciato un messaggio alla madre. Una testo breve ma dal quale potrebbe emergere il coinvolgimento di almeno una persona. Qualcuno potrebbe aver sfidato o anche solo impaurito il bambino al punto da spingerlo a togliersi la vita.