Istat: ad ottobre occupazione giù, -473.000 posti di lavoro in un anno

Secondo le ultime stime pubblicate dall’Istat, ad ottobre 2020 il tasso di occupazione è sceso lievemente, preoccupa il dato su base annua

Secondo le ultime stime dell’Istat, ad ottobre il tasso di occupazione è sceso dello 0,1%, per un calo di 13.000 unità. Preoccupa maggiormente il dato su base annua: rispetto ad ottobre del 2019, infatti, hanno perso il lavoro 473.000 persone. A determinare il calo è prevalentemente il crollo del lavoro indipendente e di quello a termine, mentre il blocco dei licenziamenti ha consentito l’aumento degli occupati stabili (+61mila). Insomma, l pandemia ha aggravato la situazione di chi un lavoro stabile non ce l’ha e delle partite Iva.

Nel report dell’Istat, si legge chiaramente che dopo la ripresa di luglio e agosto, e la stabilità di settembre – dopo le riaperture post lockdown insomma – a ottobre “l’occupazione è scesa lievemente a seguito del calo tra uomini, dipendenti a termine e indipendenti. Il tasso d’occupazione e quello di disoccupazione rimangono tuttavia stabili”. Confrontando il dato con quello di febbraio, emerge un calo del tasso di occupazione dell’1% (-420mila unità, di cui -136.000 indipendenti, -284.000 dipendenti a termine e -4.000 permanenti), mentre il tasso di disoccupazione è stabilmente sopra i livelli di febbraio.

Analizzando più a fondo la lieve flessione dell’occupazione di ottobre rispetto a settembre, l’Istat rileva come sia sostanzialmente la risultante “da una parte dell’aumento osservato tra le donne, i dipendenti a tempo indeterminato, i 25-34enni e, dall’altro, della diminuzione registrata tra gli uomini, i dipendenti a termine, gli indipendenti e tutte le altre classi d’età”.

Istat: su la disoccupazione giovanile ad ottobre

Restano invariati, nel complesso, sia il tasso di occupazione (58%) sia il tasso di inattività (35,5%). Nel trimestre agosto-ottobre 2020, il livello di occupazione sale dello 0,5% rispetto al trimestre precedente, con un aumento di 115mila unità. Su base trimestrale, su anche le persone in cerca di occupazione (+5,1%, ovvero +120.000), ma calano gli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-2,1%, pari a -289.000 unità). Rispetto ad ottobre 2019 l’occupazione cala del 2% e coinvolge praticamente uomini e donne di tutte le età, prevalentemente gli autonomi (-154.000) e i contratti a termine. Ad ottobre 2020, gli occupati totali risultano essere 22.843.000, per un totale di 35 ore pro capite a settimana, con un calo dello 0,8% rispetto ad ottobre 2019. Sale la disoccupazione giovanile, che ad ottobre fa segnare un incremento dello 0,6% attestandosi al 30,3%.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Occupazione

Tutto su Occupazione →