Il fisico Sestili: “C’è tanto virus in giro, la terza ondata è dietro l’angolo”

Secondo il fisico Giorgio Sestili la terza ondata di coronavirus è dietro l’angolo e da gennaio sarà affiancata dall’influenza.

Coronavirus più virus influenzale potrebbero essere una combinazione micidiale tra gennaio e febbraio, che potrebbero farci avere una terza ondata ancor peggiore di quello che abbiamo affrontato finora. Secondo il fisico Giorgio Sestili, che è stato intervistato da Adnkronos Salute nel giorno in cui va online il suo sito web collegato alla pagina Facebook di successo “Coronavirus – Dati e analisi scientifiche”, tutto sembra portare a pensare che la terza ondata sia proprio dietro l’angolo.

Sestili, infatti, ha detto a tal proposito:

Il numero dei contagi scende, ma non velocemente come è accaduto nella prima fase. Ma allora si è deciso per un lockdown totale che ha permesso di tagliare i contagi in maniera efficace. Oggi è molto più difficile arrivare a quel risultato, le Regioni sono in zona gialla e le persone circolano e prendono i mezzi pubblici. Sarà dura far scendere la curva a poche centinaia di casi al giorno come in estate e la paura è che basti poco per riaccendere l’incremento. C’è tanto virus in giro e per questo la terza ondata è dietro l’angolo. Dobbiamo stare molto attenti.

E alla paura della terza ondata del virus Sars-CoV-2, si aggiunge anche quella dell’influenza annuale:

A gennaio-febbraio ci sarà la probabile e pericolosa sovrapposizione tra Sars-CoV-2 e influenza – avverte – Ecco perché non capisco il calo nei numero dei tamponi, siamo scesi rispetto ai 250mila di novembre. Mentre dovremmo continuare a scovare i positivi, fare screening e andare a stanare gli asintomatici. La terza ondata Covid-19 potrebbe riportarci indietro e causare seri problemi agli ospedali. Non ‘sediamoci’ troppo vedendo un lieve calo dei contagi giornalieri.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →