COVID-19 in UK, lo studio: “L’80% degli inglesi ha rispettato le regole di auto-isolamento”

Più dell’80% degli inglesi non ha rispettato l’auto-isolamento in presenza di sintomi da COVID-19 o contatti con persone positive.

Gli inglesi amano la libertà, lo ha dichiarato nei giorni scorsi il premier britannico Boris Johnson quando gli è stato chiesto il perché Italia e Germania se la stiano cavando decisamente meglio del Regno Unito nel contenimento della seconda ondata dell’epidemia. E forse Johnson, a cui ha replicato elegantemente ed egregiamente il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, non aveva tutti i torti.

Uno studio pubblicato oggi dal King’s College di Londra, che sta seguendo su più fronti l’evolversi della pandemia di COVID-19, sostiene che più dell’80% dei cittadini della Gran Bretagna non avrebbe praticato l’auto-isolamento in presenza di sintomi da COVID o in caso di contatto con persone risultate positive al COVID-19.

Cosa emerge dallo studio

Il ritratto che emerge dallo studio è tutt’altro che lusinghiero per i cittadini del Regno Unito e, soprattutto, per il programma “Test and Trace (Testa e Traccia) promosso dal premier Boris Johnson.

Secondo lo studio, infatti, soltanto il 18,2% delle persone con sintomi da COVID-19 tra marzo ad agosto scorsi si sarebbe messo in auto-isolamento per almeno sette giorni, e soltanto l’11,9% di essi avrebbe richiesto un test per il COVID-19.

Più dell’80% dei soggetti coinvolti – presenza di sintomi o contatti con persone risultate positive – avrebbe continuato a condurre la propria quotidianità senza particolari limitazioni oltre a quelle imposte dal governo. Non solo: soltanto il 10,9% delle persone contattate direttamente dal Servizio Sanitario Nazionale e invitate a rimanere a casa per 14 giorni perché venute in contatto con persone positive ha seguito quelle indicazioni, segno che oltre ad avvertire i soggetti non sono stati fatti controlli successivi.

COVID-19, la situazione nel Regno Unito

I dati diffusi dal Servizio Sanitario Nazionale del Regno Unito nel mese di settembre certificano quanto segue:

  • 25 settembre 2020: 6.874 nuovi casi e 34 decessi
  • 24 settembre 2020: 6.633 nuovi casi e 40 decessi
  • 23 settembre 2020: 6.178 nuovi casi e 37 decessi
  • 22 settembre 2020: 4.926 nuovi casi e 37 decessi
  • 21 settembre 2020: 4.368 nuovi casi e 11 decessi
  • 20 settembre 2020: 3.899 nuovi casi e 18 decessi
  • 19 settembre 2020: 4.422 nuovi casi e 27 decessi
  • 18 settembre 2020: 4.322 nuovi casi e 27 decessi
  • 17 settembre 2020: 3.395 nuovi casi e 21 decessi
  • 16 settembre 2020: 3.991 nuovi casi e 20 decessi
  • 15 settembre 2020: 3.105 nuovi casi e 27 decessi
  • 14 settembre 2020: 2.619 nuovi casi e 9 decessi
  • 13 settembre 2020: 3.330 nuovi casi e 5 decessi
  • 12 settembre 2020: 3.497 nuovi casi e 9 decessi
  • 11 settembre 2020: 3.539 nuovi casi e 6 decessi
  • 10 settembre 2020: 2.919 nuovi casi e 14 decessi
  • 9 settembre 2020: 2.659 nuovi casi e 8 decessi
  • 8 settembre 2020: 2.460 nuovi casi e 32 decessi
  • 7 settembre 2020: 2.948 nuovi casi e 3 decessi
  • 6 settembre 2020: 2.988 nuovi casi e 2 decessi
  • 5 settembre 2020: 1.813 nuovi casi e 12 decessi
  • 4 settembre 2020: 1.940 nuovi casi e 10 decessi
  • 3 settembre 2020: 1.735 nuovi casi e 13 decessi
  • 2 settembre 2020: 1.508 nuovi casi e 10 decessi
  • 1 settembre 2020: 1.295 nuovi casi e 3 decessi

UK, l’andamento dei nuovi positivi

UK, i ricoveri per COVID-19

UK, le terapie intensive per COVID-19

I Video di Blogo

Il video degli sciatori ammassati nella funivia a Cervinia

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →