Cosa dicono gli italiani di istruzione e DAD su Web e social network

Analizzati 42.000 testi sull’argomento istruzione e didattica a distanza su siti Web e social network: ecco come si pongono gli italiani.

T-Voice ha condotto un’analisi su 42.000 testi in lingua italiana riguardanti il tema istruzione e didattica a distanza su siti Web e social network nel periodo compreso tra il 1° e il 31 marzo 2021, al netto degli “off-topic”, ovvero quei testi che non contengono l’argomento oggetto di analisi.

Tra le parole legate al tema in analisi domina “didattica a distanza”, mentre a pari merito troviamo “lezioni in DAD”, “zona rossa” e “lezione in DAD”, ma anche “scuole chiuse” e “problemi di connessione”. #DAD, invece, è l’hashtag più utilizzato per discutere del tema sul web e sui social network.

Complice il passaggio in zona rossa di diverse Regioni e Provincie Autonome d’Italia, quando si parla di istruzione a dominare la discussione è la didattica a distanza. Seguono “Università e ricerca”, “investimenti” e “Digitalizzazione”. Qual è, però, il sentimento degli italiani rispetto all’Istruzione? Il 32% degli italiani esprime pareri positivi, il 12% assume una posizione neutrale, mentre il restante 56% esprime opinioni negative.

Tra le tipologie di didattica, l’opinion analysis fa emergere un maggiore interesse nel periodo di riferimento sulla didattica in presenza (51,57%). Il 27,81% preferisce invece la didattica a distanza, mentre il 20,52% si trova d’accordo con un mix delle due opzioni.