Cosa accade oggi nel mondo?

Fatti di cui forse non hai letto, ma che sono importanti.

Un elenco dei principali appuntamenti e fatti internazionali. E qualche consiglio per approfondire.

LA CATALOGNA AL VOTO

Si vota in Catalogna per il rinnovo del Parlamento regionale. I membri eletti saranno poi chiamati a loro volta a eleggere il nuovo presidente del Governo catalano. Il sistema amministrativo-istituzionale è chiamato Generalitat ed è composto da Parlamento della Catalogna, Consiglio esecutivo della Catalogna, il presidente della Generalià della Catalogna e altri organi minori.

Nove sono i partiti in corsa, ma tre sono quelli che si contendono la vittoria: il Partito Socialista Catalano (PSC) di Salvador Ila, ex ministro della Salute; il partito indipendentista Esquerra Republicana, che ha candidato l’attuale presidente catalano Pere Aragonès; il partito indipendentista Junts per Catalunya con Laura Borràs. Il partito di estrema destra Vox potrebbe inoltre conquistare il suo primo seggio.

L’esito è ancora incerto, essendo forte il peso degli indecisi e probabile una bassa affluenza a causa della pandemia.

Per saperne di più: perché vale la pena seguire il voto in Catalogna di domenica e alle elezioni in Catalogna un candidato vuole cambiare le alleanze

ELEZIONI ANTICIPATE IN KOSOVO

Nel Paese balcanico si stanno svolgendo, per la quinta volta dal 2008, le elezioni anticipate. Si tratta del secondo voto per il rinnovo del Parlamento in un solo anno e mezzo. Una sentenza della Corte Costituzionale aveva infatti dichiarato a fine 2020 l’illegalità delle elezioni di giugno dello stesso anno a causa di una condanna in via definitiva per frode a carico del deputato Etem Arifi, membro dell’esecutivo del presidente Avdulah Hoti. La costituzione kossovara prevede infatti l’incandidabilità di chi sia stato condannato nei tre anni antecedenti alla presentazione della propria candidatura.

In testa ai sondaggi parrebbe esserci Albin Kuti, leader del partito di Autodeterminazione (Vetevendosie), e già vincitore nella tornata elettorale del 2019. Al secondo posto il Partito Democratico del Kosovo (PDK) con il 22%, seguito dai conservatori della Lega Democratica del Kosovo (LDK) al 19% e dagli ex guerriglieri nazionalisti dell’Alleanza per il Futuro del Kosovo (Aak) all’8%.

Per saperne di più: in Kosovo la sesta elezione in 12 anni rileva la sofferenza crescente della piccola nazione

LOCKDOWN IN NUOVA ZELANDA

Dalla mezzanotte di domenica sarà imposto un lockdown di tre giorni ad Auckland e in tutta la Nuova Zelanda saranno potenziate le misure di contenimento del contagio da Covid-19. La decisione è stata presa dal primo ministro Jacinda Ardern dopo la conferma di tre casi in tutto lo Stato. Il governo neozelandese ha definito la scelta «faticosa», aggiungendo che la consapevolezza per il peso economico che le misure richiedono si accompagna alla comprensione di quanti potrebbe essere ancora più gravoso per la tenuta economica del Paese «[to] make the wrong call», cioè prendere una decisione sbagliata.

La Nuova Zelanda ha adottato la Strategia Zero-Covid. Ne abbiamo parlato qui e ci siamo posti alcune domande sull’Italia in questo articolo.

Per saperne di più: nuovi casi di Coronavirus in Nuova Zelanda. E Jacinta Ardern impone tre giorni di lockdown a Auckland

IN GUINEA SONO STATI REGISTRATI NUOVI CASI DI EBOLA

Le autorità sanitarie dello stato della Guinea, in Africa, hanno comunicato che sono stati rilevati otto nuovi casi di Ebola. Tra questi ci sarebbero tre decessi. Si tratta della prima recrudescenza del virus dal 2016. Il presidente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Ted Ghebreyesus ha comunicato in un tweet che l’OMS sta provvedendo a fornire una rapida assistenza alla Guinea.

Anche il Congo, a tre mesi di distanza dall’annuncio della conclusione dell’epidemia, ha riscontrato nuovi casi di Ebola. Il livello di allerta è massimo tutti i Paesi.

Tra il 2013 e il 2016 il virus ha causato la morte di più di 11mila persone.

Per ripercorrere la storia dell’epidemia di Ebola, puoi cliccare qui.

I Video di Blogo