Coronavirus, bollettino 23 settembre 2020: +1.640 nuovi positivi e 20 decessi

Il bollettino della Protezione Civile sulla diffusione del coronavirus in Italia con i dati aggiornati al 23 settembre 2020.

Il bollettino diffuso dalla Protezione Civile e dal Ministero della Salute sulla diffusione del contagio da coronavirus COVID-19 in Italia conferma il trend che va avanti da giorni e che, al contrario di quanto sta accadendo in altre parti del Mondo, non fa destare preoccupazioni urgenti. I nuovi positivi, + 1.640, sono stati accertati a fronte di 103.696 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. Crescono i decessi, +20, e i posti occupati in terapia intensiva, +5, ma cresce anche il numero delle persone guarite nelle ultime 24 ore: 995.

In particolare, i dati più rilevanti sono i seguenti:

– 1.640 nuovi casi (ieri erano stati 1.392)
– 302.537 casi totali
– 20 morti (ieri erano stati 14)
– 35.758 morti in totale
– 995 nuovi guariti (ieri erano stati 967)
– 244 persone in terapia intensiva (ieri erano 239)
– 220.665 dimessi e guariti in totale
– 43.212 persone in isolamento domiciliare
– 2.658 persone ricoverate con sintomi (ieri erano 2.604)
– 46.114 attualmente positivi
– 103.696 tamponi effettuati (ieri erano stati 87.303, 10.679.675 in totale)

Questa è la distribuzione degli attualmente positivi tra le regioni italiane:

9.104 in Lombardia (+196)
4.613 in Emilia-Romagna (+101)
2.418 in Piemonte (+95)
3.155 in Veneto (+150)
6.184 nel Lazio (+195)
3.054 in Toscana (+90)
1.593 in Liguria (+108)
5.067 in Campania (+248)
658 nelle Marche (+32)
2.222 in Puglia (+89)
2.412 in Sicilia (+89)
560 a Trento (+22)
710 in Friuli Venezia Giulia (+57)
760 in Abruzzo (+22)
1.745 in Sardegna (+49)
476 a Bolzano (+37)
468 in Umbria (+19)
505 in Calabria (+19)
58 in Valle d’Aosta (+2)
192 in Basilicata (+17)
132 in Molise (+3)

La situazione a ieri, martedì 22 settembre 2020

I grafici sono a cura di Paolo Spada. Potete consultarli in versione completa e interattiva a questo indirizzo.

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →