Bollettino coronavirus 30 ottobre: 31.084 nuovi contagi, +199 decessi

Bollettino Covid-19 30 ottobre 2020: sono 31.084 i nuovi contagiati, 199 i decessi in più nelle ultime 24 ore

Sono 31.084 i nuovi contagi di coronavirus nelle ultime 24 ore. È quanto emerge dal bollettino del ministero della Salute, che evidenzia come rispetto al giorno precedente si siano registrati anche 199 decessi in più. L’aumento di positivi rappresenta l’incremento record dall’inizio della pandemia, ma c’è da sottolineare che il dato fa da contraltare anche al record di nuovi tamponi: +215.085. I ricoveri in terapia intensiva aumentano di 95 unità. La Regione che registra il maggior numero di contagiati nelle ultime 24 ore è la Lombardia, con +8.959.

In Campania 3.186 contagi in 24 ore

In Campania i nuovi casi di coronavirus nelle ultime ore sono stati 3.186. Lo ha annunciato nel pomeriggio in conferenza stampa il governatore Vincenzo De Luca, che ha anche comunicato il numero totale di tamponi effettuati, ovvero 18.650 tamponi. La Regione ha contestualmente annunciato di aver diramato l’ordinanza per la chiusura anche delle scuole per l’infanzia.

ISS: “Già 4 regioni nello scenario 4”

Secondo l’Istituto superiore della sanità, nel periodo compreso tra l’8 e il 21 ottobre l’indice di trasmissibilità Rt è di 1,70. L’epidemia è in rapido peggioramento, con 11 regioni ritenuti ad alto rischio di trasmissione non controllata nel virus, mentre quattro (Campania, Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte) più la Provincia di Bolzano sono già nello scenario 4, quello più grave.

Valle D’Aosta: coprifuoco dalle 21 alle 5

L’aumento di contagi ha portato anche la Valle d’Aosta a disporre una stretta importante. Stiamo parlando della regione più contagiata d’Italia sulla base dei 4 parametri base – decessi, ricoveri, terapie intensive, contagiati – ragion per cui il presidente Erik Lavevaz ha annunciato in conferenza stampa il coprifuoco dalle 21 alle 5 in tutto il territorio regionale.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Coronavirus

Tutto su Coronavirus →