“Sei una donna, non puoi stare qui”: Aurora Leone dei The Jackal cacciata dalla Partita del Cuore

La denuncia arriva dall’account Instagram di Leone, che con il collega Ciro Priello ha raccontato l’accaduto.

Aurora Leone e Ciro Priello dei The Jackal non parteciperanno alla Partita del Cuore, che avrà luogo questa sera alle 21 all’Allianz Stadium di Torino.
I due attori erano stati convocati per partecipare come Campioni per la Ricerca, nel corso dell’evento a sostegno della Fondazione Piemontese per la ricerca sul cancro.

Durante la serata di ieri 24 maggio, e in particolare nel corso della cena cui hanno preso parte tutti gli ospiti, è accaduta una vicenda (eufemisticamente) spiacevole.
Leone racconta nelle Storie del proprio profilo Instagram di essersi seduta assieme al collega al tavolo della Nazionale Cantanti. Nel giro di poco è stata raggiunta dal direttore generale, Gianluca Pecchini, che le ha chiesto di allontanarsi e cambiare tavolo.
Credendo di star venendo allontanati in quanto membri della squadra avversaria, i due attori hanno fatto per alzarsi e cambiare tavolo. Pecchini a quel punto si sarebbe rivolto a Priello: “Tu puoi restare, è solo lei che non può stare al tavolo dei giocatori”.
Alla richiesta di spiegazioni da parte di Leone avrebbe aggiunto “Sei una donna, queste sono le nostre regole”.

A poco sono valse le ulteriori richieste di spiegazioni da parte dell’attrice – peraltro convocata come giocatrice, e non come accompagnatrice di Priello.
“Non mi far spiegare il motivo per cui non puoi stare qui, alzati”, avrebbe ribadito Pecchini.

“Da quando in qua le donne giocano?”, Aurora Leone e Ciro Priello allontanati dall’albergo

Un secondo dirigente della Nazionale Cantanti sarebbe quindi intervenuto per placare gli animi, sostenendo dapprima che i due sarebbero stati allontanati in quanto membri della squadra avversaria, e poi, dopo le spiegazioni dei due (“mi hanno fatta alzare perché donna”, ha ribadito Leone), ribadendo che l’attrice, in quanto donna, non avrebbe giocato.

“Il completo te lo metti in tribuna, da quando in qua le donne giocano?”, avrebbe commentato, quando Leone gli avrebbe fatto presente di aver non solo ricevuto la convocazione, ma anche la richiesta delle proprie misure per ricevere il completo ufficiale della squadra.

Ne sarebbe nato un diverbio al termine del quale i due membri dei The Jackal sarebbero stati allontanati dall’albergo – e non prenderanno parte alla partita di stasera.

“Io non ero lì per fare una cortesia a nessuno, la mia presenza lì era pari a quella di Ciro”, ha commentato Leone sul suo profilo social, amareggiata.
Inoltre, come si suol dire, oltre al danno la beffa: le mascherine fornite nel corso dell’evento riportavano la scritta “stop alla violenza contro le donne”.

Il Presidente della Fondazione Piemontese per la ricerca sul cancro si è scusato per l’accaduto dicendosi mortificato, e gli stessi The Jackal hanno comunque invitato i propri followers a supportare la (buona) causa del progetto – che rimane tale nonostante la vicenda di cui loro malgrado sono stati protagonisti.

I Video di Blogo