Giò Sada, l’unico rimpianto di Mika