51° Settecolli: il saluto di Gregorio Paltrinieri