it_IT Tecnologia Blogo.it - Ultime notizie della sezione Tecnologia Sat, 04 Jul 2020 03:20:02 +0000 Sat, 04 Jul 2020 03:20:02 +0000 Zend_Feed_Writer 2 (http://framework.zend.com) https://www.blogo.it/tecnologia 2004-2014 Blogo.it macOS Big Sur gira su iPad: il video che vi lascerà di stucco Fri, 03 Jul 2020 08:06:46 +0000 https://www.melablog.it/post/226582/macos-big-sur-gira-su-ipad-video https://www.melablog.it/post/226582/macos-big-sur-gira-su-ipad-video Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

Come c'è chi da anni chiede un Mac con schermo Touch, dall'altra parte ci sono utenti che sognano di vedere macOS girare su iPad. Quella che vi mostriamo è solo una simulazione dell'interfaccia di macOS Big Sur ricostruita in SwiftUI e fatta girare nell'emulatore.

Creato da Jordan Singer, quella che state vedendo è solo una una simulazione che restituisce il look & feel di un sistema operativo di classe Desktop su tablet Apple. Qualcosa che fino a poco tempo fa era pure utopia, per via dell'abisso che separava il mondo dei Mac (basati su processore Intel) da quello degli iPad (basati invece si ARM).

Ma ora che anche i computer con la mela abbracciano ARM, le cose cambiano all'improvviso. Ovviamente, ciò non implica che Apple porterà macOS su iPad: ha sempre osteggiato questa possibilità con vigore; ma ci giochiamo una birra che di sicuro qualche smanettone del Web riuscirà nell'impresa, e quello -signore e signori- sarà un giorno storico. Il conto alla rovescia è iniziato.


PROSEGUI LA LETTURA

macOS Big Sur gira su iPad: il video che vi lascerà di stucco é stato pubblicato su Melablog.it alle 08:06 di Friday 03 July 2020

]]>
0
CyberPhone, l'iPhone modificato col design di Tesla Cybertruck Fri, 03 Jul 2020 08:00:16 +0000 https://www.melablog.it/post/224188/cyberphone-ecco-liphone-11-pro-in-titanio-ispirato-al-cybertruck-di-tesla https://www.melablog.it/post/224188/cyberphone-ecco-liphone-11-pro-in-titanio-ispirato-al-cybertruck-di-tesla Daniele Particelli Daniele Particelli


Aggiornamento del 3 luglio 2002

Avrete sicuramente visto e apprezzato il Cybertruck presentato nei mesi scorsi da Tesla. E se si unissero insieme le caratteristiche di iPhone 11 Pro con lo stile del nuovo pick-up della società di Elon Musk? La risposta arriva da Caviar, società famosa in tutto il Mondo per pimpare gli iPhone per un pubblico disposto a spendere cifre esorbitanti per uno smartphone quasi unico.

E così ecco arrivate il Cyberphone, che non è altro che un iPhone 11 Pro incastonato di una scocca in titanio che richiama proprio la geometria del Cybertruck di Tesla.

Caviar, che non è alcun legame né con Apple né con Tesla, ha annunciato oggi che produrrà soltanto 99 esemplari del Cyberphone ad un prezzo che non è stato reso noto.

Se avete una valanga di soldi da spendere per un iPhone 11 Pro esteticamente tutt'altro che gradevole potete collegarvi a questo indirizzo e prenotare il Cyberphone nel taglio di memoria che preferite. Il taglio base parte dalla bellezza di 6.910 dollari, cioè 6.130€ circa.

Per tutti noi comuni mortali, invece, ci sono le offerte di Amazon che ci permettono di portarci a casa un iPhone nuovo di zecca senza finire sul lastrico. Eccone le offerte migliori della giornata:

PROSEGUI LA LETTURA

CyberPhone, l'iPhone modificato col design di Tesla Cybertruck é stato pubblicato su Melablog.it alle 08:00 di Friday 03 July 2020

]]>
0
iPhone 12: ancora problemi in catena di montaggio Thu, 02 Jul 2020 08:37:22 +0000 https://www.melablog.it/post/226571/iphone-12-ancora-problemi-in-catena-di-montaggio https://www.melablog.it/post/226571/iphone-12-ancora-problemi-in-catena-di-montaggio Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

Stando alle fonti del Nikkei Asian Review, la produzione di massa di iPhone 12 sta registrando diversi problemi. Ciò significa che potrebbe arrivare con 1 o 2 mesi di ritardo, a causa della crisi sanitaria globale innescata dal Coronavirus.

"Quel che si evince ora è che sono stati accumulati mesi di ritardo in termini di produzione di massa, benché Apple stia facendo tutto il possibile per ridurre la possibilità di un rinvio. C'è una possibilità che la scaletta possa comunque essere spostata in avanti.

Alcuni modelli di iPhone potrebbero essere rimandati a inizio ottobre, e non ci sorprenderebbe se ci fossero ulteriori ritardi perché ci sono ancora parecchi test in corso e non sono stati neppure definiti i design finali."

La buona notizia, insomma, è che rispetto a marzo la situazione è nettamente migliorata, e non sarà necessario rimandare addirittura all'anno prossimo il lancio dei nuovi modelli; la brutta invece è che Apple ha accumulato un enorme ritardo e a questo punto qualche scossone appare inevitabile.

Insomma, la presentazione potrà avvenire anche a settembre come al solito, ma non aspettatevi disponibilità reali in negozio prima di ottobre; e anche allora, comunque le scorte saranno contingentate per parecchie settimane.

Ecco perché Apple avrebbe chiesto ai fornitori di assemblare ulteriori 45 milioni di iPhone XR, iPhone 11 e iPhone SE per la seconda metà del 2020; almeno riempirà gli scaffali, in attesa che i ritmi in fabbrica si assestino e tornino alla normalità.


Acquista su Amazon:

PROSEGUI LA LETTURA

iPhone 12: ancora problemi in catena di montaggio é stato pubblicato su Melablog.it alle 08:37 di Thursday 02 July 2020

]]>
0
Come passa il tempo: il primo MacBook Pro Retina diventa obsoleto Thu, 02 Jul 2020 07:00:18 +0000 https://www.melablog.it/post/207858/primo-macbook-pro-retina-vintage https://www.melablog.it/post/207858/primo-macbook-pro-retina-vintage Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

primo-macbook-pro-retina-vintage.jpg
Aggiornamento del 2 luglio 2020

Avete presente quando ascoltate un motivetto che vi sembra abbastanza recente, salvo poi scoprire che risale alla bellezza di 10 anni fa? Ecco, la sensazione che proverete oggi sarà la stessa, ed è la prova inconfutabile che -tra un Mac e un iPhone ogni anno- stiamo invecchiando pure noi.

L'11 giugno 2012, alla Conferenza Annuale degli Sviluppatori, Apple introdusse il suo primo MacBook Pro con display di classe Retina. Sottile, stiloso e potente, il dispositivo si guadagnò un enorme applauso della platea e le simpatie (oltreché il portafogli) di milioni di utenti.

Le recensioni furono encomiastiche, soprattutto in relazione al peso e all'ingombro minimi della macchina, e alla qualità dello schermo.

Nonostante una maggiore sottigliezza rispetto al predecessore, tuttavia, questo modello portava in dote un gran numero e una varietà di porte di connessione: Thunderbolt e USB-A, HDMI, slot SD e il vecchio MagSafe. Ora confrontatelo con la configurazione disponibile negli ultimi modelli: la differenza è netta.

Al tempo, Phil Schiller lo definì una "rivoluzione nell'ingegneria dei display" e arrivò a dire che non si era mai visto "un notebook così bello."

E ora, a distanza di poco più d'8 anni dalla commercializzazione, il MacBook Pro 15" Metà 2012 diventa ufficialmente vintage o obsoleto in quasi tutto il mondo. Dunque, niente più riparazioni in Apple Store, né parti di ricambio: se ne possedete uno e si rompe, sarete costretti a comprarne un altro a meno che non sappiate come mettervi mano, e come reperire componentistica usata su eBay o altri canali.

L'ultima volta, all'inizio dell'anno, era toccato ad iPad 2, e prima ancora a iMac, MacBook Air e molti iPhone. E niente, come vola il tempo.

Acquista su Amazon:

PROSEGUI LA LETTURA

Come passa il tempo: il primo MacBook Pro Retina diventa obsoleto é stato pubblicato su Melablog.it alle 07:00 di Thursday 02 July 2020

]]>
0
watchOS 7: uno sguardo da vicino a Monitoraggio Sonno e Lava le Mani Wed, 01 Jul 2020 08:52:52 +0000 https://www.melablog.it/post/226550/watchos-7-monitoraggio-sonno-e-lava-le-mani https://www.melablog.it/post/226550/watchos-7-monitoraggio-sonno-e-lava-le-mani Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

Introdotto la scorsa settimana al WWDC 2020, watchOS 7 è la prossima versione del sistema operativo per gli utenti Apple Watch. E tra le feature più interessanti su cui vorremmo soffermarci oggi c'è Monitoraggio Sonno e Lava le Mani.

Monitoraggio Sonno


Lo Sleep Tracker integrato permette di sapere quanto si è dormito, e consocere le abitudini relative al riposo notturno grazie al grafico apposito nell'app Salute. Purtroppo è molto meno sofisticato di quanto avremmo sperato: a differenza di altri gingilli molto più economici (tipo, banalmente, l'ottimo Xiaomi MI Smart Band 4 da 29€), non mostra metriche approfondite come Sonno Leggero e Sonno Profondo, ma in compenso mette a disposizione feature molto peculiari come:


  • Modalità Sonno: L'orologio attiva la funzione Non disturbare e oscura automaticamente lo schermo durante la notte.

  • Wind Down: Consente di creare una routine personalizzata, per esempio impostando una scena specifica nell’app Casa, ascoltando una musica rilassante o usando un'app di meditazione.

  • Promemoria Ricarica: "Apple Watch offre una sveglia aptica silenziosa o dei suoni gentili, mentre la schermata del risveglio mostra il livello della batteria." E se prima di andare a dormire la batteria dovesse avere una carica inferiore del 30%, Apple Watch ricorderà all’utente di ricaricarla subito.

Lava le Mani


Per proteggersi dal Covid-19 e da altre malattie, è fondamentale lavarsi frequentemente le mani per almeno 20 secondi. Grazie ai sensori di movimento integrati, al microfono e all’apprendimento macchina, Apple Watch è in grado di rilevare in automatico i movimenti e i suoni tipici dell'acqua saponata che scorre tra le dita.

Durante l'operazione, viene attivato automaticamente un timer di 20 secondi e, se l’utente termina in anticipo, lo invita a continuare. Apple Watch può anche ricordare all’utente di lavarsi le mani quando rientra a casa.

Sull'app Salute in iPhone verrà mostrata la frequenza e la durata di ogni lavaggio delle mani, oltreché alcune informazioni utili.

La versione definitiva di watchOS 7 sarà compatibile solo con Apple Watch Series 3 e successivi: qui trovate la scaletta dei modelli compatibili ed eventuali limitazioni sul software.


PROSEGUI LA LETTURA

watchOS 7: uno sguardo da vicino a Monitoraggio Sonno e Lava le Mani é stato pubblicato su Melablog.it alle 08:52 di Wednesday 01 July 2020

]]>
0
App piratate su Mac: attenzione al malware EvilQuest Wed, 01 Jul 2020 08:24:03 +0000 https://www.melablog.it/post/226543/app-piratate-su-mac-attenzione-al-malware-evilquest https://www.melablog.it/post/226543/app-piratate-su-mac-attenzione-al-malware-evilquest Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

All'interno di alcune app piratate in circolazione sul Web, è stato scovato un nuovo tipo di malware chiamato EvilQuest. Quando viene installato sul computer assieme all'app piratata, crittografa i contenuti del disco e li cancella se non si paga il riscatto entro 3 giorni.

Il malware in questione, ironia della sorte, è comparso per la prima volta in un'ottima utility di sicurezza, Little Snitch, in circolazione sui forum russi. Quando la versione contraffatta dell'app viene eseguita, installa un eseguibile segreto all'interno della cartella Shared nella propria Home.

Poi lo sposta di nuovo, e lo rinimina CrashReporter, un processo che esiste anche in macOS e che dunque non viene visualizzato in Monitoraggio Attività; infine, si propaga in varie altre posizioni del sistema operativo e inizia il lavoro di crittografia del portachiavi, dei file del Finder e molto altro. Se non si paga il riscatto entro 3 giorni (ecco perché tecnicamente si parla di ransomware), l'utente perde tutto.

Prima di tutto le brutte notizie: il malware è scritto coi piedi, e non è vero che pagando i 50$ si riottiene il possesso dei file. Dunque scartate pure questa possibilità. Inoltre, registra tutto ciò che digitate sulla tastiera, e non c'è modo di sapere come verranno utilizzati tali dati.

Infine, il software piratato elude i controlli di sicurezza del Mac: nel momento in cui immettete la password di amministratore durante un'installazione, state di fatto delegando ogni autorità all'installer in questione. Non fatelo mai se non siete assolutamente certi della bontà del software e della sua origine.

Mac Infetto: Cosa Fare?

Nel caso in cui abbiate contratto EvilQuest, potete scaricare Malwarebytes per epurare la minaccia nell'immediato, e riguadagnare il controllo del Mac.

Il nostro consiglio, tuttavia, è di ripristinare il Mac via Internet Recovery e quindi recuperare i file da Time Machine; se non possedete un hard disk esterno, né avete impostato mai Time Machine questo è il momento di farlo.

Diamo per scontato che vi metterete poi a cambiare tutte le password di tutti i vostri account. In bocca al lupo.

Come Evitare il Contagio?

In realtà è molto semplice: basta reperire tutto il vostro software dall'App Store; l'alternativa, laddove ciò non fosse possibile, è scaricarlo direttamente dal sito del produttore (dunque pagando il dovuto, se dovuto) ma in quest'ultimo caso non sempre le cose vanno come sperato: come quando fu compromesso il sito di Handbrake. Una ferita che brucia ancora, onestamente.

PROSEGUI LA LETTURA

App piratate su Mac: attenzione al malware EvilQuest é stato pubblicato su Melablog.it alle 08:24 di Wednesday 01 July 2020

]]>
0
Bonus App Store: Fino a 30€ in regalo per app, libri e musica Wed, 01 Jul 2020 07:56:02 +0000 https://www.melablog.it/post/226535/bonus-app-store-fino-a-30e-in-regalo-per-app-libri-e-musica https://www.melablog.it/post/226535/bonus-app-store-fino-a-30e-in-regalo-per-app-libri-e-musica Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

Bonus App Store: Fino a 30€ in regalo per app, libri e musica

Su App Store è tornata la promozione che permette di ricevere fino a 30€ di credito in regalo per chi ricarica il proprio account. Ma occorre fare presto.

Il meccanismo è lo stesso della promo dello scorso marzo: chi ricarica il proprio ID Apple riceve automaticamente il 10% di ricarica in più.

E così, se aggiungete 10€ sul vostro ID Apple, ve ne ritroverete 11; con 100€ di ricarica, invece, ne riceverete 10€ in omaggio e così via, fino a un massimo di 300€. La promozione scadrà il prossimo 10 luglio; dunque, se avevate una mezza idea di fare degli acquisti sul bazaar del software di Cupertino, questo è il momento giusto.

Potete ricaricare il vostro account con carta di credito (vostra, o del povero amministratore In Famiglia), direttamente su Mac, iPhone o iPad. La procedura cambia lievemente a seconda del dispositivo usato.

Su iOS:


  • Aprite App Store

  • Toccate la vostra foto profilo in alto a destra

  • Toccate Aggiungi credito all’ID Apple

  • Selezionate l’importo che volete aggiungere

  • Toccate Avanti in alto a destra

  • Confermate il pagamento con Touch ID, Face ID o password iCloud

Su macOS:


  • Aprite App Store

  • Toccate la vostra foto profilo in basso a sinistra

  • Toccate Aggiungi credito all’ID Apple

  • Fate clic su Visualizza informazioni in alto a destra

  • Immettete la vostra password

  • Fate clic su Aggiungi credito all’ID Apple

  • Selezionate l’importo che volete aggiungere

  • Fate clic su Avanti

  • Confermate il pagamento con Touch ID o password iCloud

E ora buon divertimento con lo shopping virtuale. E non finiteli tutti subito.

PROSEGUI LA LETTURA

Bonus App Store: Fino a 30€ in regalo per app, libri e musica é stato pubblicato su Melablog.it alle 07:56 di Wednesday 01 July 2020

]]>
0
Mac mini ARM: le prestazioni superano le aspettative Tue, 30 Jun 2020 08:25:15 +0000 https://www.melablog.it/post/226518/mac-mini-arm-le-prestazioni-superano-le-aspettative https://www.melablog.it/post/226518/mac-mini-arm-le-prestazioni-superano-le-aspettative Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

Sebbene sia tecnicamente proibito pubblicarli, sono spuntati i primi benchmark del cosiddetto Developer Transition Kit, cioè il Mac mini con chip A12Z di Apple consegnato agli sviluppatori per creare software per processori ARM.E non sono mancate le sorprese.

Stando ai risultati di Geekbench, l'A12Z del mini -un chip vecchio di due anni- ottiene un punteggio di 811 e 2.871 rispettivamente per i test single-core e multi-core; da cui si evincono tre interessanti dettagli:


  • 1. Questi risultati non sono indicativi delle capacità effettive della macchina, perché il software di benchmark è scritto per Intel. Ciò significa che viene emulato attraverso Rosetta 2 e che le performance reali sono molto superiori.

  • 2. Per qualche ragione, la velocità di clock dell'A12Z è lievemente inferiore a quella dell'iPad Pro da cui il chip proviene; inoltre, funzionano solo 4 degli 8 core presenti. Quindi, la macchina avrebbe potuto fare decisamente di meglio.

  • 3. Nonostante tutti questi handicap, un chip per iPad vecchio di 2 anni, con metà dei core disattivati, una velocità di clock inferiore, e in emulazione software se la cava meglio a eseguire codice rispetto al Surface Pro X che su cui invece gira software ARM nativo. Ciò lascia intendere che il chip ARM da 3GHz basato su Qualcomm SQ1 del Surface è nettamente inferiore al chip Apple.

Ovviamente, è importante contestualizzare la cosa. Il Mac in questione è né più né meno che un cassone per gli esperimenti; il primo Mac ARM che verrà commercializzato entro la fine dell'anno sarà dotato di un processore molto più performante e ottimizzato, basato su chip A14 con processo produttivo a 5 nanometri che garantirà più prestazioni e un miglior risparmio energetico. Ma se queste sono le premesse, il futuro per gli utenti Apple appare roseo.

PROSEGUI LA LETTURA

Mac mini ARM: le prestazioni superano le aspettative é stato pubblicato su Melablog.it alle 08:25 di Tuesday 30 June 2020

]]>
0
iPhone 12 Pro: arriva lo Slow Motion 4K a 240fps Tue, 30 Jun 2020 08:00:10 +0000 https://www.melablog.it/post/224095/iphone-12-fotocamera-4k https://www.melablog.it/post/224095/iphone-12-fotocamera-4k Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna


Aggiornamento del 30 giugno 2020

Sappiamo che Apple rilascerà nuovi modelli di iPhone a settembre, e sappiamo che dovrebbero essere 4. I due di punta, che abbiamo ribattezzato momentaneamente iPhone 12 Pro, avranno due tagli: uno da 6.1" e l'altro da 6.7". Poi ci saranno quelli inferiori, ma la vera notizia è che la fotocamera dei Pro dovrebbe consentire di catturare video 4K in modalità slow-motion.

Stando alle voci di corridoio -affidabili voci, in questo caso- i nuovi smartphone in arrivo dopo l'estate avranno queste caratteristiche:


  • iPhone 12 Pro Max: Il taglio da 6.7 avrà uno spessore di circa 7.4mm, il che lo renderà circa il 10% più sottile di iPhone 11 Pro Max che invece arriva a 8.1mm

  • Tutti e 4 i nuovi modelli avranno display OLED e Face ID

  • iPhone 12 Pro: Il modello da 6.1" invece dovrebbe avere un'altezza che ricade tra quella di iPhone 11 e iPhone 11 Pro

  • iPhone 12 Pro Max: Il modello da 6.7" sarà lievemente più alto dell'iPhone 11 Pro Max

  • iPhone 12 Pro Max: Il taglio da 6.7" avrà una lente a tripla fotocamera con sensori più ampi di quelli di iPhone 11 Pro Max

  • Il taglio da 5.4", 6.7" e almeno uno dei modelli da 6.1" avrà un numero superiore di microfoni sul fondo della scocca

  • iPhone 12‌ Pro e iPhone 12‌ Pro Max: fotocamera capace di registrare video 4K Video a 120fps e 240fps.

Tutte notizie che collimano perfettamente (o comunque non cozzano) con le indiscrezioni lanciate nelle scorse settimane da importanti analisti come Ming-Chi Kuo e Barclays. Ed è ovvio che vadano prese sempre con le pinze, ma oramai il grande disegno appare già sufficientemente chiaro.

Acquista su Amazon:

PROSEGUI LA LETTURA

iPhone 12 Pro: arriva lo Slow Motion 4K a 240fps é stato pubblicato su Melablog.it alle 08:00 di Tuesday 30 June 2020

]]>
0
Trasformare il Mac in HotSpot WiFi per altri dispositivi Mon, 29 Jun 2020 09:02:52 +0000 https://www.melablog.it/post/226509/trasformare-il-mac-in-hotspot-wifi-per-altri-dispositivi https://www.melablog.it/post/226509/trasformare-il-mac-in-hotspot-wifi-per-altri-dispositivi Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

Non sempre si ha a disposizione una connessione WiFi; soprattutto in uffici, hotel, biblioteche e ambienti corporate, spesso l'unica opzione è il cavo Ethernet. In questo caso potete usare il Mac come router o HotSpot WiFi per iPhone, iPad e gli altri dispositivi. Ecco come si attiva questa feature.

Per trasformare il Mac in HotSpot WiFi, fate così:


  • Aprite Preferenze di SistemaCondivisione

  • Spuntate la voce Condivisione Internet

  • In Condividi la tua connessione da: selezionate Ethernet, ai computer che usano: WiFi

  • Fate clic su Opzioni WiFi...

  • Assegnate un nome alla rete da creare, e scegliete una password robusta, poi fate cli su OK

  • Fate cli su Avvia

A questo punto dovreste poter vedere la rete WiFi appena creata dagli altri dispositivi mobili nei paraggi Agganciatevi come al solito, immettendo la password scelta pochi istanti prima, e il gioco è fatto. Buon divertimento.


Acquista su Amazon:

PROSEGUI LA LETTURA

Trasformare il Mac in HotSpot WiFi per altri dispositivi é stato pubblicato su Melablog.it alle 09:02 di Monday 29 June 2020

]]>
0
iOS 14, i Widget non sono questo granché Mon, 29 Jun 2020 08:41:59 +0000 https://www.melablog.it/post/226500/ios-14-i-widget https://www.melablog.it/post/226500/ios-14-i-widget Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

Sono una delle novità più grosse che verranno lanciate con iOS 14, ed erano pure molto attesi dagli utenti; eppure i Widget -le mini app che popoleranno la Home- non saranno particolarmente utili né interattivi. Di fatto, serviranno solo per ottenere informazioni al volo.

Come Android, ma Diversi


Diciamo le cose come stanno. I Widget su smartphone non sono una novità totale del settore, tant'è che su Android esistono dal lontano 2008, e in questi giorni girano meme su Facebook come che rivendicano il primato ("Utenti Android: Hey, ho già visto questo. Utenti Apple: Che vuol dire 'l'ho già visto.' È nuovo di zecca").

Accettiamo sportivamente la cosa, ma sottolineiamo però che i Widget Apple sono molto diversi da quelli Android, sia nel bene che nel male.

Innanzitutto, hanno dimensioni fisse e prestabilite che si incastrano a perfezione in qualunque Home senza creare quel caos di grafiche disomogenee tipiche dell'ecosistema Google; alcuni adattano addirittura la livrea in automatico, se utilizzate la Modalità Scura. Inoltre, in qualche caso sono personalizzabili e possono perfino essere raggruppati in Stack per risparmiare spazio, come mostrato nell'immagine qui di seguito.


Courtesy of CultOfMac

Niente Interattività

Ma a differenza degli omologhi Android, i Widget di iOS hanno un grosso limite: per una precisa scelta di Apple (legata probabilmente a prestazioni e durata della batteria) non sono interattivi, e di fatto servono per mostrare qualche informazione al volo.

Questo significa che, ad esempio, potete conoscere il prossimo ToDo da fare dal Widget, ma non potrete usare quest'ultimo per spuntarlo: si renderà necessario aprire l'app Promemoria.

I Widget, rileva Apple nelle linee guida per gli sviluppatori, "mostrano contenuto rilevante a colpo d'occhio, fornendo un modo più immediato per raggiungere la vostra app per ottenere più dettagli. I Widget presentano informazioni in modalità di sola lettura e non supportano elementi interattivi come barre di scorrimento o interruttori."

E se uno sviluppatore osa comunque infilare un interruttore, il framework WidgetKit semplicemente lo ignorerà. Al massimo saranno consentiti pulsanti per azioni veloci, tipo cercare un determinato tipo di contenuti su Mappe o creare una nuova mail in GMail, ma si tratta solo di link preconfezionati che si limitano ad aprire l'app di riferimento. Nessuna operazione di immissione dati può avvenire dal Widget, e questo è quanto.

PROSEGUI LA LETTURA

iOS 14, i Widget non sono questo granché é stato pubblicato su Melablog.it alle 08:41 di Monday 29 June 2020

]]>
0
iPad Pro, nuovo modello entro la fine dell'anno Mon, 29 Jun 2020 08:00:42 +0000 https://www.melablog.it/post/226488/ipad-pro-2020-lancio-italia https://www.melablog.it/post/226488/ipad-pro-2020-lancio-italia Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

Buone notizie per chi attendeva un aggiornamento della linea iPad Pro. Apple ha infatti in programma di lanciare nuovi modelli entro la fine dell'anno; per iPad mini, invece, l'attesa sarà un po' più lunga.

In una nota riservata agli analisti e diffusa da MacRumors, Ming-Chi Kuo -una delle voci più affidabili per quanto concerne i piani della mela- rivela che un nuovo iPad da 10.8" dovrebbe arrivare nella seconda metà dell'anno in corso; seguito da un iPad mini da 8.5" nella prima metà del 2021.

A onoro del vero, l'analista non si sofferma a spiegare che questo modello da 10.8 costituisca un'evoluzione dell'attuale Pro da 10.2" o dell'iPad Air da 10.5"; sul mini, invece, non dovrebbero esserci dubbi.

Entrambi i nuovi tablet, in ogni caso, dovrebbe includere il nuovo caricabatterie da 20W di cui abbiamo parlato ieri e che probabilmente invece non sarà incluso nella confezione di iPhone 12.


Acquista su Amazon:
Apple iPad Pro (11", Wi-Fi, 128GB) - Argento a 899€

Apple iPad Pro (11", Wi-Fi + Cellular, 256GB) - Grigio siderale a 1.179€

Apple iPad mini (Wi-Fi, 64GB) - Grigio siderale (Ultimo Modello) a 439€

PROSEGUI LA LETTURA

iPad Pro, nuovo modello entro la fine dell'anno é stato pubblicato su Melablog.it alle 08:00 di Monday 29 June 2020

]]>
0
iPhone 12, niente EarPods e forse neppure caricabatterie Fri, 26 Jun 2020 09:08:29 +0000 https://www.melablog.it/post/226477/iphone-12-niente-earpods-e-forse-neppure-il-caricabatterie https://www.melablog.it/post/226477/iphone-12-niente-earpods-e-forse-neppure-il-caricabatterie Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

In una nota pubblicata da Barcleys, gli analisti confermano che il box in cui verrà venduto iPhone 12 sarà piuttosto minimalista: non solo non conterrà auricolari, ma neppure caricabatterie.

Sappiamo che Apple ha intenzione di rilasciare 4 nuovi modelli di iPhone dopo l'estate; ma secondo Barcleys, il packaging di prodotto sarà alquanto povero. In particolare, si parla dell'assenza degli auricolari EarPods, il che è corroborato dalle medesime anticipazioni fatte da Ming-Chi Kuo lo scorso mese.

Quel che non ci aspettavamo, tuttavia, è la presenza del solo cavo USB-C a Lightning; in altre parole, niente caricabatterie incluso.

Ciò costituirebbe una buona notizia per l'ambiente, senza ombra di dubbio, ma anche una bella fregatura per alcuni utenti. Anche perché non tutti abbiamo un caricabatterie USB-C a portata di mano, mentre tutti gli utenti iPhone possiedono almeno un caricabatterie con USB di vecchio tipo. L'adattatore standard da 5W di Apple potrà dunque essere acquistato a parte per la non modica cifra di 25€; ma il consiglio è di propendere almeno per quello da 18W incluso di iPhone 11 Pro che costa però la bellezza di 35€.

In ogni caso, vi diamo due motivi per non dispare. 1. Solo pochi giorni fa abbiamo ricevuto una soffiata via mail che mostrava il caricabatterie da 20W di iPhone 12 e che vi mostriamo qui sotto. Ciò contraddice Barclays (o forse no, e andrà comunque comprato a parte: va' a sapere).

2. Per fortuna, non è obbligatorio acquistare un accessorio con la mela. Su Amazon è pieno di prodotti potenti e di ottima qualità perfettamente compatibili. L'importante è scegliere un wattaggio adeguato.

Acquista su Amazon:

PROSEGUI LA LETTURA

iPhone 12, niente EarPods e forse neppure caricabatterie é stato pubblicato su Melablog.it alle 09:08 di Friday 26 June 2020

]]>
0