it_IT Tecnologia Blogo.it - Ultime notizie della sezione Tecnologia Sat, 22 Feb 2020 01:10:41 +0000 Sat, 22 Feb 2020 01:10:41 +0000 Zend_Feed_Writer 2 (http://framework.zend.com) https://www.blogo.it/tecnologia 2004-2014 Blogo.it Aprire un URL in Chrome per iOS con una scorciatoia Fri, 21 Feb 2020 10:30:19 +0000 https://www.melablog.it/post/23301/aprire-url-con-chrome-su-iphone https://www.melablog.it/post/23301/aprire-url-con-chrome-su-iphone Giacomo Martiradonna https://www.melablog.it/post/23301/aprire-url-con-chrome-su-iphone#2 Giacomo Martiradonna


Aggiornamento del 21 febbraio 2020
Aggiornamento: Pare che, a partire da un futuro aggiornamento di iOS, Apple consentirà agli utenti di scegliere il browser e l'app di Mail predefiniti. Lo rivelano fonti molto attendibili, e dunque l'indiscrezione è ritenuta credibile; fino ad allora, tuttavia, potete usare questo escamotage per aprire automaticamente un link direttamente in Chrome.

Nonostante le iniziali critiche, Chrome per iOS piace a molti, al punto di aver soppiantato in qualche caso Safari nella navigazione quotidiana. Purtroppo iOS non permette di impostare il browser predefinito, ma questo piccolo script potrebbe fare al caso vostro: consente infatti di aprire una pagina Web di Safari su Chrome con un solo tocco.

Allo stato attuale, a meno di non usare qualche trucco da jailbreaker (tipo BrowserChooser, su Cydia) non si può chiedere ad iOS di aprire un URL con un browser diverso da quello Apple, il che ci costringe a virtuosismi da pianista tra tocchi, copia incolla e selezioni. La buona notizia, se non altro, è che un escamotage può snellire parecchio la procedura, e renderla per lo meno un po' più pratica. Ecco le istruzioni da seguire.

Basta aprire una qualunque pagina su Safari mobile, per esempio "melablog.it", e impostarla tra i propri Segnalibri; per ragioni di praticità, vi converrà collocarla direttamente nella Barra dei Preferiti. Dopo averla creato il segnalibro, toccate i Preferiti e poi selezionate "Modifica", quindi sostituite l'URL originale (https://www.melablog.it) con questa stringa:

javascript:location.href="googlechrome"+location.href.substring(4);

Già che ci siete, rinominate il segnalibro da "Melablog" a "Apri in Chrome" o qualcosa del genere e infine. D'ora in avanti, basterà fare tap su "Apri in Chrome" perché iOS chiuda la pagina Web aperta in Safari e la riapra automaticamente in Chrome. Semplice, poco impegnativo e rapido in attesa di una soluzione ufficiale da mamma Apple.

PROSEGUI LA LETTURA

Aprire un URL in Chrome per iOS con una scorciatoia é stato pubblicato su Melablog.it alle 10:30 di Friday 21 February 2020

]]>
2
Apple Mac Mini ricondizionato: l'offerta Amazon Fri, 21 Feb 2020 10:19:26 +0000 https://www.melablog.it/post/224532/apple-mac-mini-ricondizionato-occasioni https://www.melablog.it/post/224532/apple-mac-mini-ricondizionato-occasioni Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

Chi cerca un Mac mini come media center o computer di appoggio non ha bisogno necessariamente dell'ultimo modello, che è potente ma costa pure un occhio. Per rientrare in budget più umani, è possibile restare nell'alveo dei ricondizionati che offrono buone prestazioni a prezzi molto più abbordabili. Ecco cosa offre Amazon al momento.

Il problema dei mini è che sono rari; il nuovo costa caro, e l'usato/ricondizionato si trova col contagocce. Questo è il motivo per cui un Mac mini di seconda mano tiene botta sul mercato e tende a svalutarsi molto meno rispetto ad esempio ai portatili. In altre parole, stiamo dicendo che acquistare ora un modello di seconda mano non implica che non riuscirete a rivenderlo di terza mano e farci una discreta sommetta tra qualche anno. Provare per credere.

Ciò detto, andiamo al sodo. Ecco cosa ha da offrire il mercato:

Infine, per chi ha un budget un po' più robusto, un'occasione unica; non è un ricondizionato -si tratta di un prodotto nuovo- ma è la vecchia generazione, quindi molto performante:

PROSEGUI LA LETTURA

Apple Mac Mini ricondizionato: l'offerta Amazon é stato pubblicato su Melablog.it alle 10:19 di Friday 21 February 2020

]]>
0
Denunciato lo stalker di Tim Cook, gli portava fiori e champagne Fri, 21 Feb 2020 09:02:18 +0000 https://www.melablog.it/post/224524/stalker-tim-cook https://www.melablog.it/post/224524/stalker-tim-cook Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

Si chiama Rakesh “Rocky” Sharma, ha 42 anni ed è il primo stalker ufficiale di Tim Cook. Ha tentato di intrufolarsi almeno due volte a casa sua, e in un'occasione gli ha portato pure rose e champagne. Un'altra volta, invece, ha pubblicato foto piccanti e l'ha taggato su Twitter.

Nella denuncia presentata dai legali di Cook, si legge che Sharma avrebbe dimostrato un carattere "imprevedibile, minaccioso e bizzarro" con alti e bassi che ultimamente si era fatto davvero preoccupante, arrivando a chiamare altri dirigenti Apple e lasciando continuamente messaggi in segreteria.

Nella relazione del responsabile della sicurezza del Campus Apple, si legge di un'escalation di eventi:

"La condotta del Sig. Sharma ha raggiunto nuovi picchi passando dai messaggi in segreteria ai tentativi di effrazione del domicilio del CEO Apple [...] a Palo Alto, con ingresso nella proprietà attraverso i cancelli chiusi e senza autorizzazione, il Sig. Sharma ha tentato di consegnare fiori e una bottiglia di champagne."

Dopodiché, ha iniziato a pubblicare foto molto sfacciate sul proprio account Twitter con riferimenti a Cook e, non contento, ha tentato per la terza volta di entrare a casa sua, riuscendo perfino a suonare il campanello; poi si è dato alla fuga prima dell'arrivo della polizia.

Infine, dopo le telefonate a Cook, all'assistenza e all'ufficio legale, i legali dell'iCEO hanno fatto recapitare a Sharma un'ingiunzione di desistenza, che però è risultata poco efficace. Poco dopo infatti, sono partite le chiamate ad Apple Care con minacce molto preoccupanti:

"Il Sig. Sharma ha affermato di conoscere dove vivono i dirigenti Apple, e ha aggiunto che "Non voglio usare le munizioni, ma conoscono gente in grado di farlo"; infine ha dichiarato che il CEO di Apple è un criminale e che Apple avrebbe tentato di ucciderlo mentre era in ospedale."

Sulla scia di questi allucinanti eventi -che hanno portato il responsabile della sicurezza a "soffrire di stress emotivo e ansia"- Apple aveva richiesto l'interdizione dell'uomo da tutte le location corporate di Cupertino, Santa Clara, Sunnyvale e San Jose, oltreché dall'area dei negozi e dalle "residenze o proprietà di qualunque dei dirigenti Apple." La Corte Superiore di Santa Clara tuttavia si è limitata a emettere un ordine restrittivo temporaneo che impone a Sharma di orbitare a non meno di 200 metri da Cook e da tre membri del team di sicurezza di Cupertino nell'area di Apple Park, Infinite Loop e la residenza di Tim Cook.

PROSEGUI LA LETTURA

Denunciato lo stalker di Tim Cook, gli portava fiori e champagne é stato pubblicato su Melablog.it alle 09:02 di Friday 21 February 2020

]]>
0
MacBook Air 13" a meno di 800 euro: guida all'acquisto Fri, 21 Feb 2020 09:00:48 +0000 https://www.melablog.it/post/224495/macbook-air-13-a-meno-di-800-euro-guida-allacquisto https://www.melablog.it/post/224495/macbook-air-13-a-meno-di-800-euro-guida-allacquisto admin admin

Vi abbiamo già illustrato le tante offerte di Amazon Renewed, la sezione di Amazon dedicata ai prodotti ricondizionati e venduti "come nuovi", e oggi siamo tornati a farci un giro per sondare la situazione sul fronte dei MacBook Air, i cui ultimi modelli vengono venduti da Apple a partire da 1.279 euro nella loro configurazione base, poco meno dell'entry level della serie MacBook Pro.

Se siete alla ricerca di un MacBook Air "come nuovo" e a più di metà prezzo rispetto al prezzo al momento del lancio, abbiamo selezionato per voi tre diversi modelli più datati ma con caratteristiche di tutto rispetto ancora oggi.

Tutti i dispositivi hanno la garanzia di un anno coperta dal fornitore e non sono certificati da Apple, ma ispezionati e testati da fornitori qualificati da Amazon.

MacBook Air 13" - Inizio 2015

Partiamo dal più recente, un MacBook Air 13" commercializzato da Apple all'inizio del 2015 e ancora perfettamente adatto per un utilizzo mediamente intensivo considerando che è dotato di un processore Intel Core i5 1,6 GHz, 4 GB di RAM e un hard disk a stato solido da 128 GB.

La tastiera qwerty è nella sua configurazione statunitense, ma questo non ne compromette o limita l'utilizzo neanche dagli utenti meno esperti. Il dispositivo è in vendita a 625,00 euro con spedizione inclusa e garanzia di un anno.


  • Schermo: 13"

  • Processore: Intel Core i5 1,6 GHz

  • RAM: 4 GB

  • Hard Disk: SSD da 128 GB

  • Sistema operativo: macOS X

  • Sigla modello: MJVE2LL/A

MacBook Air 13" - Metà 2013

Torniamo un po' più indietro col MacBook Air 13" lanciato sul mercato a metà del 2013. Anche qui troviamo 4GB di RAM, processore Intel Core i5 e hard disk SSD da 128 GB, ma in questo caso la tastiera è quella inglese. Vale lo stesso discorso di prima: il suo utilizzo non è limitato in alcun modo dalla differente configurazione dei tasti.

Questa versione del MacBook Air 13" è in offerta a 538 euro con spedizione inclusa.


  • Schermo: 13"

  • Processore: Intel Core i5

  • RAM: 4 GB

  • Hard Disk: SSD da 128 GB

  • Sistema operativo: macOS 10.11 El Capitan

  • Sigla modello: MD760LL/A

MacBook Air 13" - Metà 2012

L'ultima proposta ci riporta indietro di poco più di un anno rispetto a quella precedente. Siamo nella metà del 2012, ma questo MacBook Air con schermo da 13,3" non ha nulla da invidiare agli altri due. Anzi. A fronte di un processore Intel Core i5 1,8 GHz troviamo ben 8 GB di RAM e hard disk a stato solito da 128 GB.

Non solo. La tastiera è italiana e la versione del sistema operativo installata è Mac OS 10.13 High Sierra. Il MacBook Air 13" di Metà 2012 è in vendita a 694,00 euro.


  • Schermo: 13,3"

  • Processore: Intel Core i5 1,8 GHz

  • RAM: 8 GB,

  • Hard Disk: SSD da 128 GB

  • Sistema operativo: macOS 10.13 High Sierra

  • Sigla modello: A1466

PROSEGUI LA LETTURA

MacBook Air 13" a meno di 800 euro: guida all'acquisto é stato pubblicato su Melablog.it alle 09:00 di Friday 21 February 2020

]]>
0
AirPods Pro Lite, inizio produzione degli auricolari Apple low-cost Fri, 21 Feb 2020 09:00:45 +0000 https://www.melablog.it/post/224354/airpods-pro-lite https://www.melablog.it/post/224354/airpods-pro-lite Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna


Aggiornamento del 21 febbraio 2020
Ultim'ora: Dopo aver annunciato il congelamento del progetto AirPods Pro Lite, il quotidiano online DigiTimes contraddice se stesso e afferma che la produzione di massa sta per partire. A Cupertino avrebbero anzi prescelto il partner di riferimento: "La taiwanese Universal Scientific Industrial (USI), costola di ASE Technology, otterrà probabilmente gli ordini per i chip destinati ai nuovi AirPods Pro, secondo le fonti dell'industria." Un riferimento alle AirPods Pro più economiche a cui sembra che Appel stia lavorando, ma a questo punto è tutto un mezzo mistero. Aggiorneremo il post non appena ci saranno ulteriori novità, possibilmente da fonti più attendibili.

AirPods Pro Low-Cost?


Stando alle ultime indiscrezioni riportate da Digitimes, Apple sta lavorando con i partner di Taiwan per creare una versione low-cost di AirPods Pro. Nei rumors viene esplicitamente fatto il nome di "AirPod Pro Lite."

Purtroppo non abbiamo ulteriori notizie. In realtà, questi nuovi auricolari vengono menzionati en passant parlando di tutt'altre faccende, vale a dire la necessità di Apple di diversificare la diffusione degli impianti di produzione per portarli fuori dalla Cina in seguito al caso Coronavirus. Nel report si legge:

"Apple, mantenendo il partenariato coi fornitori delle catene delle forniture sia di Taiwan che della Cina, potrebbe relegare agli impianti di Taiwan una porzione più ampia della produzione della nuova generazione di iPad, Apple Watch‌, AirPod Pro Lite e ‌iMac‌, in un momento in cui l'epidemia ha aumentato il rischio di ritardi sugli approvvigionamenti di materiali grezzi e sulle consegne, il che a sua volta getta ombre sulla ripresa delle normali operazioni dei fornitori di componenti e degli impianti di assemblaggio cinesi."

E questo è quanto. Resta da vedere cosa si intenda con AirPods Pro Lite, ma se dovessimo azzardare, diremmo che Apple si tratta di un aggiornamento degli AirPods lisci, oppure di una versione meno costosa e performante dei Pro. In ogni caso, è ancora presto per parlare del lancio di prodotto: data la situazione, potrebbero tranquillamente passare ancora molti mesi.


Acquista AirPods su Amazon:

PROSEGUI LA LETTURA

AirPods Pro Lite, inizio produzione degli auricolari Apple low-cost é stato pubblicato su Melablog.it alle 09:00 di Friday 21 February 2020

]]>
0
Google annuncia Android 11 Developer Preview 1 Thu, 20 Feb 2020 13:48:21 +0000 https://www.mobileblog.it/post/202294/google-android-11-developer-preview-1 https://www.mobileblog.it/post/202294/google-android-11-developer-preview-1 lucacolantuoni lucacolantuoni 302 Found

Found

The document has moved here.

PROSEGUI LA LETTURA

Google annuncia Android 11 Developer Preview 1 é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 13:48 di Thursday 20 February 2020

]]>
0
Sony Xperia L4, schermo 21:9 con notch Thu, 20 Feb 2020 11:52:45 +0000 https://www.mobileblog.it/post/202283/sony-xperia-l4-schermo-219-notch https://www.mobileblog.it/post/202283/sony-xperia-l4-schermo-219-notch Luca Colantuoni Luca Colantuoni 302 Found

Found

The document has moved here.

PROSEGUI LA LETTURA

Sony Xperia L4, schermo 21:9 con notch é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 11:52 di Thursday 20 February 2020

]]>
0
iPhone 9 compare in un video Thu, 20 Feb 2020 10:02:35 +0000 https://www.melablog.it/post/224512/iphone-9-video https://www.melablog.it/post/224512/iphone-9-video Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

Su TikTok è comparso il video di un presunto iPhone 9, il successore di iPhone SE che dovrebbe essere lanciato nelle prossime settimane. Qualcosa però non combacia con le aspettative.

Da quel che si vede, l'iPhone in questione mostra una cornice superiore e posteriore piuttosto pronunciata, un pulsante Home con Touch ID, un design ispirato ad iPhone 4 e un colore della scocca color acqua marina. Da quel che sapevamo, tuttavia, Apple aveva in programma semplicemente di dare una svecchiata ad iPhone 8 aggiungendo componentistica aggiornata e un processore A13; cosa che ha molto senso visto il prezzo di commercializzazione aggressivo di 399$ (fate clic qui per scoprire il prezzo italiano, IVA inclusa).

Stando agli esperti, tuttavia, è improbabile che Apple abbia lavorato ad una riprogettazione tanto complessa di un dispositivo così economico. Il che significa che si tratterebbe di un banale mod cioè un iPhone 8 modificato a è stata installata una scocca non ufficiale.

A nostro giudizio, invece, potremmo essere di fronte al modello definitivo. Infondo, se come dicono le voci più critiche, quello è un iPhone 8 in un guscio diverso, si tratterebbe di una revisione tutto sommato molto contenuta rispetto al modello originale (se l'ha fatto un laboratorio clandestino cinese, che problemi avrebbe Apple?); dunque verrebbe meno l'obiezione secondo cui c'è stato molto lavoro di ingegnerizzazione da fare. In ogni caso, niente paura: Coronavirus permettendo, Apple svelerà le proprie carte il prossimo 31 marzo. Restate sintonizzati.

PROSEGUI LA LETTURA

iPhone 9 compare in un video é stato pubblicato su Melablog.it alle 10:02 di Thursday 20 February 2020

]]>
0
CarKey, la feature che trasforma iPhone nelle chiavi della macchina Thu, 20 Feb 2020 09:39:46 +0000 https://www.melablog.it/post/224507/carkey-iphone https://www.melablog.it/post/224507/carkey-iphone Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

La cosa era nell'aria sin da quando Apple aveva deciso di aderire al Car Connectivity Consortium, il consorzio che trasformerà lo smartphone nella chiave per aprire e accendere l'auto. Si tratta di uno standard messo a punto in questi ultimi anni, e che ora sta per tramutarsi in prodotto vero.

Aprire e avviare l'auto con iPhone o Apple Watch: il sogno high-tech di tutti noi diventerà presto realtà grazie a CarKey, un'estensione di CarPlay che infila una chiave digitale nell'app Wallet; la chiave poi può essere condivisa con altri utenti, inviandola semplicemente via iMessage. È una delle novità di iOS 13.4 Beta 2:

"CarKey non è disponibile nelle conversazioni di gruppo. Puoi inviare CarKey in conversazioni con un individuo."

Le chiavi condivise possono essere permanenti, per i membri della famiglia, oppure temporanee, magari per il meccanico. Quando condividete CarKey, dall'altra parte leggono un messaggio che recita:

[Nome del proprietario dell'auto] ti ha invitato ad usare la sua [Modello di Veicolo] con accesso all'apertura & messa in moto. Ciò consente di utilizzare il tuo iPhone e Apple Watch per aprire/chiudere l'auto, avviare il motore e guidare.

Per ragioni di sicurezza, CarKey ha bisogno dell'autenticazione biometrica -Face ID o Touch ID- esattamente come Apple Pay e Apple Cash; ma è stata prevista una modalità Express che permette a chiunque in possesso della chiave di utilizzarla senza ulteriori fronzoli, utile in contesti aziendali.

Ovviamente, la feature funziona a patto di acquistare un'auto compatibile; dunque, se le cose andranno come con CarPlay, passeranno secoli prima di vederla implementata sui modelli destinati ai comuni mortali. Giustamente, i produttori storici devo spremere il limone fino all'ultima goccia, per carità.

E questo è solo l'inizio. Il Car Connectivity Consortium sta lavorando alle specifiche del Digital Key 3.0 che estenderà l'uso di questa tecnologia anche sui dispositivi basati su Bluetooth Le e Ultra Wideband (sì, proprio il protocollo presente su iPhone 11, 11 Pro e 11 Pro Max e che servirà per AirTag).

Ovviamente, si tratta di software in Beta, e non abbiamo una data di rilascio, ma se dovessimo azzardare è molto probabile che un annuncio ufficiale arriverà con iOS 13.4, magari all'Evento Speciale Apple del 31 marzo 2020.

PROSEGUI LA LETTURA

CarKey, la feature che trasforma iPhone nelle chiavi della macchina é stato pubblicato su Melablog.it alle 09:39 di Thursday 20 February 2020

]]>
0
iPadOS 13.4: le novità delle Beta Thu, 20 Feb 2020 08:01:49 +0000 https://www.melablog.it/post/224334/ipados-13-4-beta https://www.melablog.it/post/224334/ipados-13-4-beta Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna


Aggiornamento del 20 febbraio 2020

In queste giorni, utenti e sviluppatori si sono trovati tra le mani la seconda Beta di iPadOS 13.4. Tra le novità incluse in questa build, segnaliamo modifiche al funzionamento della barra strumenti per Mail, CarKey e l'app TV.

iPadOS 13.4 Beta 2


Con iOS e iPadOS 13.4 beta 2, l'app Apple TV aggiunge nuove opzioni per controllare i dati e lo streaming; in particolare, parliamo della possibilità di utilizzare o meno i dati cellulari. Inoltre, sono state introdotte funzionalità di risparmio della banda su WiFi o connessione cellulare: quando si attiva il "Risparmio Dati" si ottiene un uso massimo di 600MB l'ora.


La barra degli strumenti di Mail nella seconda Beta dice addio al pulsante con la bandierina per introdurre invece quello di creazione di una nuova mail, e spostando il pulsante "Rispondi" in terza posizione.

Infine CarKey, la chiave virtuale che permette di aprire e avviare le auto con chip NFC, può essere condivisa con gli altri utenti via iMessage; ma rispetto alla Beta 1, ora Apple spiega più nel dettaglio i rischi connessi con questa operazione.

iPadOS 13.4 Beta 1


Con iOS 13.4 Beta 1, le novità principali riguardavano la nuova barra strumenti per Mail, nuove scorciatoie, qualche miglioria a CarPlay e infine inediti Memoji/Animoji. Eccole nel dettaglio:


  • App Mail: La barra degli strumenti di Mail separa in modo netto il pulsante Rispondi dal Cancella e rende più difficile eliminare per errore un messaggio.

  • Comandi Rapidi: Un nuovo comando rapido di Siri permette di identificare una canzone al volo attraverso Shazam, e senza dover aprire l'app come avviene ora.

  • Condivisione Cartelle: Era attesa da tempo e finalmente è arrivata. La condivisione delle cartelle iCloud Drive diventa una possibilità concreta.

  • Animoji: Ci sono 9 inediti Memoji/Animoji, tra cui uno con il MacBook e l'altro con espressione esasperata.

  • Acquisti Universali: Viene introdotta la possibilità per gli sviluppatori di vendere un'app che è valida contemporaneamente su iOS, tvOS e macOS. Il tutto con un unico acquisto da parte dell'utente.

  • CarKey: Le nuove API di CarPlay permetteranno di avviare l'automobile usando iPhone come chiave.

  • Scorciatoie Tastiera: Quando utilizzate una tastiera fisica con iPad, ora avete a disposizione nuove scorciatoie specifiche per l'app Foto.

In seguito ad iPadOS, Apple ha reso disponibili anche una nuova Beta di tvOS 13.4 per Apple TV di quarta e quinta generazione e iOS 13.4 per iPhone e iPod Touch. La versione definitiva è attesa nelle prossime settimane.

PROSEGUI LA LETTURA

iPadOS 13.4: le novità delle Beta é stato pubblicato su Melablog.it alle 08:01 di Thursday 20 February 2020

]]>
0
Coronavirus: impatto su Apple e sulla produzione di iPhone 9 Thu, 20 Feb 2020 04:26:16 +0000 https://www.melablog.it/post/224309/coronavirus-apple https://www.melablog.it/post/224309/coronavirus-apple Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna

Aggiornamento del 20 febbraio 2020
Aggiornamento: Una decina di Apple Store sparsi tra Chengdu, Dalian, Guangzhou, Quingdao e Shanghai hanno riaperto in Cina. Lentamente si torna alla normalità.

Secondo l'affidabile quotidiano economico giapponese Nikkei, Apple rischia di non riuscire a lanciare neppure iPhone 9, il successore low-cost di iPhone SE che avrebbe dovuto debuttare a marzo. Le fabbriche funzionano ancora al 30-50% della capacità massima, e ci sono ancora molte questioni di logistica e manodopera da risolvere, soprattutto a causa delle quarantene imposte per legge. La produzione di massa non è partita a febbraio come previsto, e un lancio secondo i piani diventa "molto impegnativo." In teoria, Apple doveva presentare iPhone 9 il 31 marzo, e renderlo disponibile nei negozi il 3 aprile; in pratica, col Coronavirus che rallenta tutto, non esistono più certezze. Attualmente, il COVID-19 ha contagiato 73.000 persone in tutto il mondo e causato oltre 1.870 morti.

MWC di Barcellona Annullato


Il Mobile World Congress, uno dei più importanti eventi mondiali dedicato alla telefonia mobile che si tiene a Barcellona, è stato annullato. Apple non partecipa mai, di solito, ma la notizia è comunque scioccante e lascia comprendere meglio l'apprensione causata dal Coronavirus. Intel, LG, Nokia, Vodafone, ZTE, Nvidia, Sony, Amazon, Cisco, Ericsson e molte altre importanti società hanno cancellato gli interventi e ritirato le adesioni, tanto da costringere gli organizzatori a rinunciare del tutto. La situazione peggiora di giorno in giorno, e nel mentre siamo arrivati a 1.113 morti in Cina, e oltre 44.000 persone contagiate.

I Guai di Apple



In teoria, gli impianti Foxconn di Shenzhen dovevano riaprire il 2 febbraio, in concomitanza con la fine del Capodanno Lunare e in tempo per avviare la produzione di iPhone 9. In pratica, a causa delle procedure di prevenzione della diffusione del Coronavirus, le fabbriche restano ancora chiuse, così come gli Apple Store del paese.

Produzione in India?


Le autorità sanitarie del distretto Longhua di Shenzhen stanno ancora ultimando le ultime ispezioni degli impianti Foxconn, e stanno passando al vaglio l'efficacia delle misure di contenimento della diffusione del Coronavirus proposte dalla società; iniziative che includono controlli a tappeto della temperatura corporea, obbligo della mascherina sul volto e un più igienico sistema di refezione aziendale.

E sebbene in teoria non si parli di un blocco totale degli impianti (come erroneamente riportato all'inizio dai giornali), di sicuro si stanno verificando ritardi importanti in catena di montaggio. Tali da mettere in forse il lancio di iPhone 9, in programma per marzo. E la prova sta nel fatto che Foxconn ha di recente tagliato le previsioni di fatturato per il 2020, proprio a causa del virus, con una produzione di massa che arranca al 40-60% del pieno potenziale.

Non sorprende dunque che, in questo caotico scenario, la società stia prendendo in considerazione l'idea di spostare la produzione in India; un'operazione pantagruelica che porterà parecchio scompiglio per azionisti, clienti e lavoratori.

Apple Store Chiusi


Nel frattempo gli uffici Apple, i contact center e gli Apple Store cinesi, chiusi a causa del Coronavirus nelle scorse settimane, continueranno a restare chiusi.

In una recente mail Deirdre O'Brien, responsabile globale delle risorse umane della mela, ha spiegato infatti che in questi giorni si stanno mettendo in piedi nuovi protocolli sanitari, inedite restrizioni nelle aree pubbliche locali, e speciali politiche di disinfezione che porteranno al rinvio della data di riapertura inizialmente prevista per il 9 febbraio.

La situazione -pare di capire- è in via di normalizzazione, ma per il momento nulla è dato sapere, e l'incertezza è grande.

PROSEGUI LA LETTURA

Coronavirus: impatto su Apple e sulla produzione di iPhone 9 é stato pubblicato su Melablog.it alle 04:26 di Thursday 20 February 2020

]]>
0
Microsoft annuncia Office per Android Wed, 19 Feb 2020 17:15:30 +0000 https://www.mobileblog.it/post/202273/microsoft-annuncia-office-android https://www.mobileblog.it/post/202273/microsoft-annuncia-office-android lucacolantuoni lucacolantuoni

Office per Android

Microsoft ha annunciato la disponibilità della nuova app Office per Android. Dopo aver rilasciato la versione beta e ricevuto i feedback dagli utenti, l'azienda di Redmond ha distribuito la versione finale che può essere scaricata dal Google Play Store. La corrispondente versione per iOS arriverà nelle prossime settimane.

Finora gli utenti dovevano installare tre app separate per Word, Excel e PowerPoint. L'utilizzo in contemporanea era quindi piuttosto scomodo su smartphone e lo spazio occupato era maggiore. Office per Android occupa invece circa 130 MB e permette di gestire facilmente documenti, fogli di lavoro e presentazioni.

La schermata home è piuttosto semplice e permette di accedere velocemente alle principali funzionalità di Word, Excel e PowerPoint attraverso menu a discesa e pulsanti. Tra le funzionalità aggiuntive c'è la possibilità di scrivere una nota, trasferire file tra smartphone e computer, firmare PDF con un dito ed effettuare la scansione dei codici QR.

Microsoft ha inoltre integrato la tecnologia Lens che consente di sfruttare la fotocamera dello smartphone per la scansione dei PDF o per convertire le immagini in documenti Word o tabelle Excel. I documenti possono essere caricati sui principali servizi di cloud storage, tra cui OneDrive, Dropbox e Box.

Il supporto per i tablet è limitato, ma verrà migliorato con le future versioni. Nei prossimi mesi verranno aggiunte altre funzionalità, come la dettatura vocale per Word, la visualizzazione delle tabelle Excel in formato card e la possibilità di creare una presentazione veloce che verrà trasformata in slide da PowerPoint Designer.

PROSEGUI LA LETTURA

Microsoft annuncia Office per Android é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 17:15 di Wednesday 19 February 2020

]]>
0
Wiko annuncia i nuovi View4 e View4 Lite Wed, 19 Feb 2020 13:55:46 +0000 https://www.mobileblog.it/post/202266/wiko-nuovi-view4-view4-lite https://www.mobileblog.it/post/202266/wiko-nuovi-view4-view4-lite Luca Colantuoni Luca Colantuoni

Wiko View4 Lite

Wiko ha annunciato due nuovi smartphone con tre fotocamere posteriori. Si tratta dei View4 e View4 Lite con schermo da 6,52 pollici. i due dispositivi condividono anche altre specifiche, differenziandosi principalmente per la dotazione di RAM e la capacità della batteria.

I primi due smartphone della collezione View4 hanno una cover in plastica. Per il View4 è stato applicato un rivestimento lucido "effetto vetro", così come sul View4 Lite nella colorazione Deep Blue (per gli altri due colori è stata scelta una rifinitura opaca). Il View4 integra 3 GB di RAM e una batteria da 5.000 mAh che offre un'autonomia fino a tre giorni, mentre il View4 Lite integra 2 GB di RAM e una batteria da 4.000 mAh che offre un'autonomia massima di due giorni.

Entrambi i modelli hanno uno schermo IPS da 6,52 pollici con risoluzione HD+ (1660x720 pixel). Il rapporto di aspetto 20:9 indica la presenza di un notch a goccia nella parte superiore che ospita la fotocamera frontale (8 megapixel per View4 e 5 megapixel per View4 Lite). La dotazione hardware comprende inoltre il processore octa core MediaTek Helio A25 e 32 GB di storage, espandibili con schede microSD fino a 256 GB.

Per le tre fotocamere posteriori sono stati scelti sensori da 13, 5 e 2 megapixel (standard, ultra grandangolare e profondità). La connettività è garantita dai moduli WiFi 802.11b/g/n, Bluetooth 4.2, GPS e LTE (dual SIM). Sono anche presenti il jack audio da 3,5 millimetri e la porta micro USB 2.0. Manca invece il lettore di impronte digitale.

Il sistema operativo è Android 10. Tre i colori disponibili: Cosmic Blue, Cosmic Gold e Cosmic Green per View4: Deep Blue, Deep Gold e Deep Green per View4 Lite. I prezzi sono 159,99 euro (View4) e 129,99 euro (View4 Lite). Il View4 è già in vendita, mentre il View4 Lite arriverà sul mercato a fine marzo.

PROSEGUI LA LETTURA

Wiko annuncia i nuovi View4 e View4 Lite é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 13:55 di Wednesday 19 February 2020

]]>
0