Biella: arrestato funzionario di polizia

Ivano Bonadio si trova adesso nel carcere di via Tigli con l’accusa di corruzione. L’avvocato: “un fulmine a ciel sereno”.

Sorpresa a Biella per l’arresto, ieri, di Ivano Bonadio, funzionario della locale questura, molto noto in città, accusato di corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio.

A eseguire l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip su richiesta della procura biellese sono stati gli stessi colleghi dell’uomo, gli agenti della Squadra mobile.

Secondo gli inquirenti il funzionario avrebbe fornito informazioni in suo possesso illecitamente allo scopo di favorire un’indagine di natura privata. L’inchiesta sul poliziotto presunto infedele sono state condotte da investigatori dei carabinieri e della guardia di finanza.

Il legale di Bonadio, l’avvocato Andrea Delmastro, commenta:

“Per noi è stato un vero fulmine a ciel sereno. Siamo in attesa di raccogliere il materiale probatorio e le fonti di prova a nostro carico. Fatto ciò, cercheremo di dimostrare le nostre ragioni”.

A coordinare l’indagine, il sostituto procuratore Ernesto Napolillo. Bonadio è in servizio a Biella da trent’anni, molti dei quali passati nella Digos. Il funzionario è stato intanto tradotto nel carcere di via Tigli, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

© Foto Getty Images – Tutti i diritti riservati

I Video di Blogo

Video, proteste a Milano: il piccolo (ma rumoroso) corteo in Corso Buenos Aires