Napoli, fatture false: indagata la moglie dell’ex presidente di Confindustria D’Amato

Indagati gli amministratori della Idis srl. Sequestro beni anche per Maria Luisa Faraone Mennella, moglie di Antonio D’Amato.

La guardia di finanza di Napoli ha eseguito un sequestro beni per equivalente, da 5,5 milioni di euro, a carico degli amministratori della Idis srl Paolo Tropea, Maria Laura Concetta Montana e Maria Luisa Faraone Mennella, detta Marilù. Quest’ultima è la moglie dell’ex presidente di Confindustria Antonio D’Amato.

La Idis è una società di pianificazione e consulenza imprenditoriale e gestionale, partecipata del 100% del capitale di sottoscrizione dalla Quark & Stark S.A. con sede in Lussemburgo.

Le fiamme gialle del nucleo di polizia tributaria di Napoli hanno posto sotto sequestro rapporti finanziari, conti correnti bancari e beni immobili ritenuti nella disponibilità dei tre indagati con un provvedimento disposto dal gip del tribunale partenopeo su richiesta della sezione criminalità economica della procura.

In una nota diffusa dal procuratore aggiunto Fausto Zuccarelli si spiega che dagli accertamenti fiscali eseguiti dalla direzione provinciale dell’Agenzia delle entrate risultano:


intense condotte evasive connesse all’omessa dichiarazione di plusvalenze immobiliari

E ancora false fatture di acquisto emesse da società estere oltre alla:

contabilizzazione di elementi passivi fittizi collegati alla svalutazione di crediti inesistenti.

Le ipotesi di reato contestate sono dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti e dichiarazione infedele.

© Foto TMNews – Tutti i diritti riservati

I Video di Blogo.it