Leggi ad personam: “Non le utilizzeremmo mai!” Le ultime parole famose di Nicolò Ghedini

Sull’ipotesi di una legge ad personam costruita dall’avvocato del premier apposta per risolvere i problemi legali del premier stesso, si registra la ferma presa di posizione di Nicolò Ghedini, l’avvocato-deputato di Silvio Berlusconi: “Come potrebbe mai Berlusconi presentarsi a una compagine internazionale con la richiesta di 60 giorni di sospensione del processo per valutare il


Sull’ipotesi di una legge ad personam costruita dall’avvocato del premier apposta per risolvere i problemi legali del premier stesso, si registra la ferma presa di posizione di Nicolò Ghedini, l’avvocato-deputato di Silvio Berlusconi: “Come potrebbe mai Berlusconi presentarsi a una compagine internazionale con la richiesta di 60 giorni di sospensione del processo per valutare il patteggiamento? E’ una follia. Né io né presidente del Consiglio chiederemo mai un patteggiamento”.

Certo, a pensare male si fa sempre peccato…

La domanda però, nasce spontanea: Come potrebbe Berlusconi presentarsi a una compagine internazionale dopo aver utilizzato il condono studiato dal suo commercialista Tremonti (facendo risparmiare alla sua impresa milioni di euro di tasse) e dopo aver dichiarato che le sue aziende non avrebbero mai aderito al condono medesimo?

Sarebbe una follia….

foto: jody art