Roma, svaligiavano bancomat con la tecnica del “cash trapping”: 6 arresti

Si tratta una banda composta da 6 cittadini moldavi e romeni, finiti in manette con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti e danneggiamenti aggravati.

Avevano trovato il modo perfetto per sottrarre soldi ai bancomat, sfruttando la sempre più diffusa tecnica del cash trapping, e per settimane sono riusciti a mettere a segno almeno 30 colpi in diverse banche della Capitale, ma oggi sono stati identificati e arrestati.

Si tratta una banda composta da 6 cittadini moldavi e romeni, finiti in manette in queste ore con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti e danneggiamenti aggravati.

La tecnica utilizzata è assai nota, eppure continua a fare molte vittime. Consiste nel bloccare lo sportello erogatore del bancomat e attendere che qualcuno provi a fare un prelievo. Il malcapitato esegue la transazione, ma non riesce a ritirare i soldi proprio perchè lo sportello non si apre.

A quel punto il cliente pensa a un guasto e si reca in banca per chiedere spiegazioni e a quel punto i malviventi entrano in azione e ritirano le banconote rimaste bloccate.

I Video di Blogo