Napoli, droga: 11 arresti nel clan Veneruso-Rea

Il gruppo camorristico Veneruso-Rea si era specializzato nel traffico e nello spaccio di cocaina e hashish nell’area Vesuviana.

di remar

AGGIORNAMENTO – Secondo gli inquirenti il clan Veneruso-Rea aveva messo in piedi a Casalnuovo, nella cosiddetta area 219, una specie di cittadella autonoma del traffico e dello spaccio di stupefacenti. Con tanto di recinti e fortificazioni. Sul Mattino si legge che i boss del clan gestivano tutta l’attività di traffico e vendita della droga nel quartiere, facendosi consegnare da gregari e livelli intermedi il 30% dell’introito del “prodotto interno lordo” del narcotraffico.

Sono 11 gli arresti eseguiti la scorsa notte dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna (Napoli) in una operazione anti camorra nell’area del Vesuviano.

In manette sono finiti presunti affiliati al clan Veneruso-Rea, tra loro anche alcuni elementi di spicco del gruppo criminale.

Gli arrestati, tutti raggiunti da ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip di Napoli su richiesta della Dda, dovranno rispondere dell’ipotesi di reato di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti aggravata dal metodo mafioso.

Secondo gli inquirenti il gruppo camorristico Veneruso-Rea, considerato egemone nei territori di Casalnuovo e Volla, si era specializzato nel traffico e nello spaccio di cocaina e hashish nell’area Vesuviana.

Gli investigatori stanno ricostruendo la scala gerarchica dell’organizzazione, definendo ruolo e mansioni di ciascuno degli arrestati.

© Foto Getty Images – Tutti i diritti riservati

Ultime notizie su Camorra

Tutto su Camorra →