Gli Usa dietro alla rivolta anti-Mubarak? Lo sostiene Wikileaks

Torna alla ribalta Wikileaks, il portale divenuto celebre per le sconvolgenti rivelazioni sulla diplomazia internazionale, diretto da Assange.Questa volta al centro degli obiettivi c’è un dispaccio del 30 dicembre 2008, ripreso dal quotidiano inglese The Telegraph. L’ambasciatrice Margaret Scobey, afferma che “Un “giovane dissidente” egiziano del movimento “6 aprile”, il cui nome viene omesso, è

di luca17,


Torna alla ribalta Wikileaks, il portale divenuto celebre per le sconvolgenti rivelazioni sulla diplomazia internazionale, diretto da Assange.

Questa volta al centro degli obiettivi c’è un dispaccio del 30 dicembre 2008, ripreso dal quotidiano inglese The Telegraph. L’ambasciatrice Margaret Scobey, afferma che

“Un “giovane dissidente” egiziano del movimento “6 aprile”, il cui nome viene omesso, è stato aiutato dalla stessa ambasciata a partecipare a un incontro di dissidenti a Washington, il summit della “Alliance of Youth Movements”.

In soldoni, l’obiettivo del piano sarebbe di imporre un governo democratico in Egitto, prima delle elezioni presidenziali di settembre. Ricordiamo che gli Usa hanno sempre sostenuto il govenro di Mubarak, quindi la notizia se confermata sarebbe una bomba.