Ping Pong: botte (e risposte) della giornata politica

Leggi e commenta la Top News. Napoli nel caos fra rifiuti e roghi e sciopero bus selvaggio. Pietre e estintori contro i vigili. Raid e barricate: città sotto assedio. C’è la regia della camorra. Istituzioni locali ko. Latitanza dello Stato. Nuovo pesante monito Ue: “Agire subito, o gravi rischi per la salute”. Mercoledì il consiglio

Leggi e commenta la Top News. Napoli nel caos fra rifiuti e roghi e sciopero bus selvaggio. Pietre e estintori contro i vigili. Raid e barricate: città sotto assedio. C’è la regia della camorra. Istituzioni locali ko. Latitanza dello Stato. Nuovo pesante monito Ue: “Agire subito, o gravi rischi per la salute”. Mercoledì il consiglio dei Ministri nel capoluogo campano. Berlusconi in pressing: “Svelti, al lavoro, o daranno la colpa a me”.

Nostro commento. Emergenza infinita. Alta tensione. Caos. Ma dove siamo? A Napoli o a Beirut? In Italia o in uno sperduto paese del terzo mondo? Ancora un po’ e siamo lo zimbello del mondo. O lo siamo già? Bassolino e Jervolino, vergogna! Governo Prodi, vergogna! Dovremo dire la stessa cosa anche per Berlusconi? Subito fatti nuovi! Superare la crisi prima che il caldo trasformi l’emergenza rifiuti in una emergenza sanitaria. Perplessità per la prevista nomina di Guido Bertolaso come sottosegretario ad hoc presso la presidenza del Consiglio. Siamo all’ultimo atto. Poi sarà peggio, molto peggio di una catastrofe per Napoli. Una gran mazzata per l’Italia. Una sola parola: agire subito! Non si può aspettare ancora di mettere d’accordo chi d’accordo non lo sarà mai. Adesso basta!

Silvio Berlusconi: “ Bisogna accelerare. Il progetto “anti-monnezza” è un piano per salvare Napoli. Dieci discariche da aprire subito e l’Esercito in azione per la raccolta, quindi procedure veloci per costruire i termovalorizzatori. I sindaci devono adeguarsi o li costringeremo ad accettare nuovi siti. Basta tentennamenti. Mercoledì decideremo nel consiglio dei Ministri a Napoli. Non saranno tollerate azioni di destabilizzazione dell’ordine pubblico”.

Stavros Dimas: “Come commissario all’Ambiente della Ue richiamo l’Italia ad agire subito per risolvere la situazione dei rifiuti a Napoli per evitare peggiori conseguenze per la salute pubblica”.

Antonio Bassolino: “Confido nella collaborazione con Berlusconi e nel suo governo. Dobbiamo farcela, o qui affondiamo tutti! Fin’ora ha vinto il no. Ora bisogna far nascere un partito trasversale del sì”.

Rosa Russo Jervolino: “Resto al mio posto di sindaco della città per evitare il caos totale. Chiedo l’intervento e l’unità di tutte le istituzioni e di tutte le forze disponibili”.

Beppe Grillo: “A casa, tutti a casa se ne devono andare. Quelli di prima e quelli di adesso. Hanno rovinato Napoli, hanno rovinato l’Italia. Se non si fa tabula rasa non se ne verrà mai fuori. Finiremo più in fondo di dove siamo già finiti”.