Cosca Pesce: arrestati 7 presunti fiancheggiatori

Reggio Calabria: in manette 7 presunti fiancheggiatori della potente cosca Pesce di Rosarno. Sequestrati beni per 1,5 milioni.

di remar


Sette persone, presunti fiancheggiatori della cosca Pesce di Rosarno, sono stati raggiunti stamattina da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Reggio Calabria su richiesta della Dda. Gli arresti sono stati eseguiti dai carabinieri del Ros e del Comando provinciale.

La cosca Pesce, ritenuta tra le più potenti della ‘ndrangheta, negli ultimi due anni è stata colpita da numerosi arresti e da sequestri di beni per centinaia di milioni di euro. I sette arrestati sono accusati a vario titolo di trasferimento fraudolento e possesso ingiustificato di valori con l’aggravante mafiosa.

Secondo quanto scrive Il Quotidiano della Calabria all’operazione odierna, denominata Califfo 2, si è arrivati anche grazie alle dichiarazioni di Maria Concetta Cacciola, la 31enne testimone di giustizia suicidatasi con acido muriatico nell’agosto scorso. I carabinieri hanno anche sequestrato beni per 1,5 milioni di euro.

Foto | ©TMNews

Ultime notizie su Ndrangheta

Tutto su Ndrangheta →