Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013: la diretta di PolisBlog

La puntata di Piazzapulita del 3 giugno 2013 in liveblogging su PolisBlog.

00.28 Finita la puntata.

Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013


Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
00.27 Intenzioni di voto.


00.26 Alleanze.

00.25 Cosa dovrebbe fare ora il M5S.

00.24 Altri sondaggi sul M5S.

00.19 Pubblicità.
00.13 Un servizio ci porta al Consiglio regionale della Calabria, dove 13 consiglieri sono indagati per peculato. A gestire i fondi pubblici erano i capigruppo dei vari partiti. Nell’ufficio di presidenza chi doveva rendicontare i rimborsi è il fratello del capogruppo del Pdl.

00.10 Secondo Battista il calo del M5S non depotenzia il cambiamento, ma tutto dipende da cosa farà il governo Letta.
00.07 Per Gomez è stata fatta una “finta legge sull’abolizione finanziamento pubblico ai partiti”.
00.06 Di Pietro ammette che è assurdo che lui abbia rappresentato per tanti anni una icona della sinistra.
00.04 Di Pietro ammette di sentire Grillo e Casaleggio:

Fanno come hanno fatto con me. Tutti gli sparano addosso. Tutto sembra sia colpa di Grillo e Casaleggio che fanno politica da tre mesi.

00.02 Di Pietro: “Bersani aveva in mano la possibilità di vincere se non fosse stato ostaggio di chi lo ha obbligato a dire no all’Italia dei Valori”. Poi spiega che ha criticato Napolitano perché si è messo di traverso alla magistratura quando questa indagava sui rapporti tra Stato e mafia.
00.00 Intervista a Antonio Di Pietro, in versione contadino.

23.59 Si torna in studio per leggere i tweet su #sefossiGrillo.
23.53 Pubblicità.
23.50 Per Battista il M5S a febbraio “ha raggiunto il massimo”. Poi sottolinea quanto l’elettorale del M5S sia eterogeneo e nota che in Friuli dopo le politiche chi aveva votato per Grillo ha preferito rifugiarsi nell’astensionismo.
23.50 Sortino nota che Casaleggio ha previsto il governo di larghe intese nel suo ultimo libro.
23.48 Sortino spiega la concezione di Grillo e Casaleggio della rappresentanza e della democrazia diretta.
23.45 Anche Cavolini ha votato M5S alle scorse politiche, ma oggi avanza alcune pacate critiche al comportamento politico di Grillo.

Per quale motivo devo essere io a decidere una legge economica. La Rete è anche pericolosa.

23.42 In studio parla una piccola imprenditrice, Cinzia Cavolini, concessionaria demaniale, che non si riconosce né nell’Italia A, né in quella B. La signora racconta come lo Stato sia stato scorretto nei confronti della sua piccola azienda.
23.41 Evasione fiscale. L’Italia che bara.

23.38 La proposta di Grillo di imporre dei tetti alle pensioni viene in parte promossa da Brancaccio perché sarebbe un provvedimento di giustizia sociale. Zingales invece è meno favorevole.
23.35 Per Gomez interpretare il ruolo di vittima politicamente non giova, a meno che si abbiano televisioni e giornali. Freccero inoltre nota che Grillo essendo stato la prima vittima della censura televisiva ha un’aurea particolare.
23.31 Sortino sottolinea che in occasione dei comizi di Grillo i giornalisti non vengono chiamati dal politico, ma vengono usati da Grillo stesso per incarnare il nemico. Poi spiega che il pubblico concepisce come un evento vero, sincero il comizio di Grillo che si ‘sporca’ parlando con i presenti, sudando, urlando.
23.30 Anche per Zingales la stampa italiana in media non brilla, ma rimprovera a Grillo lo stile di insulto.
23.28 Per Zingales Grillo ha perso voti perché la gente ha capito che non era intenzionato a fare.
23.24 Brancaccio: “Il M5S voleva entrare nello scontro tra capitali fragili e capitali forti come la Germania. Ed era un obiettivo nuovo, mentre incunearsi nello scontro tra garantiti e non è vecchio”. L’economista contesta anche il fatto che Grillo considera sullo stesso livello di garantiti un senatore, un maestro di scuola e un infermiere.
23.21 Zingales osserva che in Italia ognuno tende a difendere i proprio privilegi.
23.19 Zingales viene interpellato sull’analisi del voto fatta da Grillo dopo le amministrative. L’economista osserva che nel post scritto sul blog ci sono alcuni aspetti veri. “Ma che le colpe appartengano solo a una parte e le colpe altrettanto non è vero”.

23.15 Un servizio ci racconta la difficoltà di trovare un lavoro a Torino. Quindi la storia del nonno che mantiene figlio e nipote con la sua pensione.
23.09 Pubblicità.
23.08 Battista replica dicendo che il Corriere della Sera riceve lo 0,0000 qualcosa di sovvenzioni pubbliche:

Lei non sa nulla.

23.06 Modigliani denuncia l’accanimento mediatico contro il M5S. Poi sottolinea le differenze tra Gomez e Battista, accusando quest’ultimo di essere dentro il conflitto di interessi.
23.04 Parola a Sergio Di Cori Modigliani, blogger e attivista M5S.7

Nel Movimento non c’è stata nessuna delusione. L’obiettivo principale del Movimento è stato centrato in pieno: dare la possibilità al popolo italiano di toccare con mano, rendersi conto che il sistema italiano è incancrenito perché viviamo in un consociativismo delle forze politiche.

23.01 Martino accusa Letta di mentire quando parla di finanziamento pubblico ai partiti.
22.59 In studio parola a un attivista del M5S, Emiliano Martino, che assicura che anche lui si sarebbe comportato come Grillo.

22.56 Freccero nota che il governo Letta è il governo Monti 2.0.
22.55 In studio arrivano anche gli economisti Luigi Zingales ed Emiliano Brancaccio.
22.51 Passando sempre dalle parole di Grillo, si parla ora in un servizio di Termini Imerese e di come gli ex operai abbiano votato M5S alle politiche. Molti di loro però ora criticano il comico che “ha avuto paura” dopo il boom di febbraio.

22.45 Pubblicità.
22.43 Battista poi ironizza sulla presenta in studio di Morra che non si sa perché non ha voluto partecipare al talk show.

22.40 Per Battista il risultato elettorale alle amministrative del Pdl è stato catastrofico. Stesso aggettivo usato per definire il risultato del M5S.
22.40 Gomez: “Grillo sta preparando il terreno. Quello che sta facendo con i giornalisti è bruttissima, ma è vero che l’informazione in Italia fa schifo”.
22.37 Intenzioni di voto.

22.35 Sondaggi.

22.33 Morra giustifica l’estremizzazione dialettica e stilistica di Grillo nei comizi e sul blog.
22.30 Per Saviano Grillo fotografa la realtà, ma sbaglia quando definisce cattivo chi non è dalla sua parte. Lo scrittore ritiene che il leader del M5S sbagli anche quando critica generalizzando i giornalisti.

22.28 Morra svela che i deputati del M5S frequentano “la mensa dei dipendenti del Senato” e che il loro esempio virtuoso è stato seguito da alcuni parlamentari del Pd.
22.23 Morra cita la denuncia fatta da Lerner quando era in Rai sul pizzino di raccomandazione per spiegare il sospetto che i grillini hanno rispetto a molti giornalisti italiani.

22.22 Morra: “Non credo ci siano tanti giornalisti italiani capaci di indipendenza”.
22.20 Sulla cosiddetta legge-truffa sui rimborsi Morra si chiede “perché la fiscalità è più favorevole a chi finanzia un partito rispetto che una onlus”.
22.18 Sui rimborsi elettorali ai partiti, Morra dice: “La politica deve tornare ad essere passione”.
22.16 Morra ripete che vorrebbe che in tv si parlasse di temi precisi e concreti, che interessano alla gente comune.
22.15 Morra ha pattuito con Formigli di rilasciare un’intervista, senza discutere con gli ospiti in studio.
22.12 Morra tira in ballo il conflitto di interessi e osserva che in Italia ci si limita a parlare del tema senza affrontarlo nei fatti. Il parlamentare peraltro ha dimenticato il cellulare acceso e Formigli invita a spegnerlo.
22.08 Nicola Morra, senatore del M5S, in studio. Il parlamentare spiega che il movimento non è contro i talk show a priori, ma contesta l’atteggiamento dell’informazione italiana.

22.05 Formigli considera insensato il nuovo attacco diretto di Grillo.
22.03 Poi si rivolge a “Vermigli’, accusandolo di non fare ascolti e chiedendo di realizzare una puntata dedicata a Cairo, amico di Berlusconi.

22.02 In diretta da Leonforte. Grillo ha chiesto che una telecamera di Piazzapulita venga impallata. E a inizio comizio il comico ha attaccato il programma.
21.55 Pubblicità.
21.52 Formigli spiega che non querelerà Grillo che però lo avrebbe meritato perché ha detto che Piazzapulita ha pagato un’imprenditore per parlare male di lui.
21.51 Secondo Sortino l’idea di Grillo e Casaleggio è che “la realtà e l’informazione sono la stessa cosa”.
21.50 Sortino osserva che i post sul blog di Grillo e gli attacchi ai giornalisti non sono casuali ma studiati.
21.48 Gomez e Battista discutono sul fatto che Casaleggio non rende pubblici i dati economici del blog di Grillo. Per il direttore del Fattoquotidiano.it Casaleggio sbaglia, ma è in buona fede; per Battista invece ha da nascondere qualcosa.
21.46 Gomez rimprovera a Battista di aver detto che i deputati grillini hanno proposto zero disegni di legge che riguardano tutti i cittadini italiani.
21.45 Gomez:

È un assurdo che esista una Commissione di vigilanza sulla Rai. In tutto il mondo è la televisione che vigila sulla politica.

21.45 Per Gomez Grillo sta sbagliando strategia. Sulle accuse ai giornalisti ammette che il comico forse sbaglia i nomi ma il senso delle sue affermazioni sono condivisibile.

21.43 Per Battista Grillo vive come un affronto personale ogni tipo di opinione critica nei suoi confronti.
21.40 Anche per Battista le parole di Grillo non avranno conseguenze:

Grillo è una tigre di carta, è minaccioso. In tre mesi il fenomeno Grillo si sta sgonfiando.

21.40 Freccero rimprovera a Grillo di essere stato immobile dopo le politiche. E di usare la rete in modo maggioritario, alla Berlusconi.
21.38 Freccero ricorda la censura voluta dalla destra italiana e critica Pigi Battista che spesso ridimensiona quanto avvenuto in passato.

21.36 Carlo Freccero spiega che non c’è alcun legame tra l’editto di Berlusconi e le parole di Grillo.
21.34 Formigli: “Grillo eviti di dire sciocchezze, altrimenti finirà per diventare come quei politici comizianti che parlano a vanvera”. Il conduttore difende la sua squadra ricordando che i giornalisti sono precari che si guadagnano la riconferma di anno in anno grazie al loro lavoro.

21.33 Formigli chiede a Grillo di “evitare di usare black list, di usare nomi e cognomi. Ci critichi sui fatti, chieda un rettifica. Ci denunci se lo abbiamo diffamato. Altrimenti lasci a noi la libertà di decidere che domande fare e che programmi fare”.
21.32 Formigli: “E se un giorno Beppe Grillo il potere lo avesse, cosa farebbe? E se in piazza ci fosse un cretino ci facesse venire la mano pesante dopo gli insulti di Grillo? Stiamo attenti, le parole vanno misurate”.
21.30 Formigli manda in onda il famoso editto di Berlusconi dalla Bulgaria, risalente al 2002. Poi il conduttore precisa che tra le parole di Grillo e quelle di Berlusconi non vede particolari connessioni.

21.28 Grillo attacca La7, Piazzapulita e Cairo. Poi cita Floris, Gabanelli e Rodotà.

Io non dimentico nulla. Noi siamo buoni, siamo gandhiani, ma alla fine vi faremo un cul0 così.

21.26 Intanto a Mira la festa del M5S va deserta.

21.20 Inizia la diretta, con la copertina dedicata a Beppe Grillo. Dai comizi prima delle elezioni amministrative al corso di comunicazione dopo il voto, fino ai nuovi comizi in Sicilia.

21.00 Tra pochi minuti inizia la puntata di Piazzapulita. In studio ci sarà anche Nicola Morra, parlamentare del M5S.

Nella ventunesima puntata di Piazzapulita, dal titolo I buoni e i cattivi, in onda stasera 3 giugno alle 21.10 su La7 con diretta di PolisBlog, si discuterà dei nuovi attacchi ai giornalisti, della rottura con Stefano Rodotà e con Milena Gabanelli e delle polemiche contro quella che viene considerata una finta abolizione del finanziamento pubblico ai partiti di cui si è reso protagonista negli ultimi giorni il M5S, reduce peraltro da una calo dei consensi a distanza di tre mesi dalle elezioni politiche. Ospiti di Corrado Formigli saranno Pierluigi Battista, editorialista del Corriere della Sera, Peter Gomez, direttore del Fattoquotidiano.it, Carlo Freccero, direttore di Rai4, gli economisti Luigi Zingales ed Emiliano Brancaccio, e Sergio Di Cori Modigliani, blogger e attivista M5S.

L’appuntamento è per le 21.10 su PolisBlog.

Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013

Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013
Piazzapulita, puntata 3 giugno 2013

I Video di Blogo

Ultime notizie su Piazzapulita

Tutto su Piazzapulita →