Bergamo: Jimmy Ruggeri ucciso con 4 colpi di pistola

Agguato mortale a Castelli Calepio. Jimmy Ruggeri è stato raggiunto da diversi colpi di pistola, due i sicari, arrivati e poi fuggiti in moto.

di remar

A uccidere Jimmy Ruggeri sono stati 4 colpi di pistola esplosi a distanza ravvicinata. Le indagini sull’omicidio, condotte dal pm di Bergamo Carmen Pugliese, si starebbero concentrando sul passato della vittima e su alcune sue frequentazioni, giudicate controverse. Gli inquirenti non escludono che dietro il delitto possa celarsi un movente di tipo economico.

Bergamo: ucciso Gian Mario Ruggeri, fratello dell’ex presidente dell’Atalanta

28 settembre 2013 – Omicidio a Castelli Calepio (Bergamo) dove questa mattina è stato ucciso Gian Mario Ruggeri, detto Jimmy, fratello dell’ex presidente dell’Atalanta Ivan Ruggeri. L’uomo è stato freddato a colpi di pistola mentre stava per entrare in una palestra che frequentava.

Due i killer che sarebbero entrati in azione, arrivati e fuggiti in sella a una moto e con il volto coperto da caschi integrali.

Ruggeri 13 anni fa era rimasto coinvolto con altri imprenditori in un’inchiesta su un giro di presunte false fatturazioni ed era finito anche agli arresti domiciliari.

L’agguato in cui ha perso la vita il 44enne Jimmy Ruggeri è avvenuto intorno alle 9 del mattino. Qualcuno dopo aver sentito gli spari ha chiamato l’ambulanza del 118, ma l’arrivo dei sanitari è stato purtroppo inutile: Ruggeri era già deceduto. Indagano i carabinieri.

(in aggiornamento)