Padova, omicidio Goffredo Macolino: si costituisce il vero pirata della strada

Nuovo arresto nel caso dell’omicidio dell’anziano Goffredo Macolino: il vero pirata della strada si è costituito stanotte.


Colpo di scena nel caso dell’omicidio di Goffredo Macolino, il pensionato di 76 anni investito ed ucciso mercoledì scorso alle porte di Chiesanuova (PD), mentre stava attraversando sulle strisce pedonali.

Valentin Marius Bacnasu, il 35enne romeno fermato venerdì con l’accusa di essere l’autore dell’omicidio, si è rivelato estraneo al delitto: alla guida del Suv che ha investito Macolino – ed altre due automobili – c’era un suo amico, un romeno di 22 anni.

Il giovane, braccato dalle autorità dopo le rivelazioni di Bacnasu, stanotte si è consegnato ai militari ed ha ammesso le sue responsabilità: lui, nullafacente incensurato e senza patente, ha confessato di aver investito ed ucciso l’anziano e di essere fuggito a piedi dimenticandosi di prendere il cellulare che l’amico gli aveva prestato, telefono che è stato fondamentale per lo svolgimento delle indagini.

Mentre il 22enne si trova già in carcere a Padova, Bacnasu è stato scagionato dall’accusa di omicidio. Resta comunque indagato in attesa che le analisi del sangue e della saliva trovati sull’air bag della vettura confermino la dinamica emersa in queste ore.

Foto | Il Mattino di Padova