La notizia del giorno è l’interrogatorio di Silvio Berlusconi, il post referendum Fiat o il ritorno della satira in tv?

Il referendum Fiat, qui i risultati, è la notizia politica più importante di ieri secondo il 51% dei lettori di Polisblog. Le altre notizie del sondaggio, che trovate qui, erano il Rubygate (40%) e il rinvio a giudizio di Luigi De Magistris (9%). Quali sono i fatti più importanti di oggi?Silvio Berlusconi rifiuta l’interrogatorio. Il


Il referendum Fiat, qui i risultati, è la notizia politica più importante di ieri secondo il 51% dei lettori di Polisblog. Le altre notizie del sondaggio, che trovate qui, erano il Rubygate (40%) e il rinvio a giudizio di Luigi De Magistris (9%). Quali sono i fatti più importanti di oggi?

Silvio Berlusconi rifiuta l’interrogatorio. Il presidente del Consiglio potrebbe non presentarsi davanti ai magistrati che stanno indagando su Ruby, la ragazza che da minorenne ha partecipato ad una delle feste organizzate ad Arcore.

“Non è ancora stato deciso se il presidente del Consiglio andrà a rispondere ai pm”, ha spiegato Piero Longo, uno dei suoi difensori che ha aggiunto: “Quindi, al momento rimane anche aperto il discorso del legittimo impedimento, del quale ne discuteremo nell’eventualità di un interrogatorio”.

Rubygate, Silvio Berlusconi rifiuta l\'interrogatorioLa morte dei sindacati dopo il referendum Fiat di MirafioriIl ritorno della satira politica in tv con Zelig
La morte dei sindacati. La matematica non è un’opinione. I sindacati che hanno chiesto ai propri operai di Fiat Mirafiori di votare no al referendum dovrebbero prender atto del risultato e non ragionare sulle sfumature. In democrazia si rispetta sempre il risultato elettorale.

Maurizio Landini, segretario della Fiom, è stato intervistato da Fabio Fazio. Su RaiTre Landini ha polemizzato con il Governo. Secondo il segretario il Governo avrebbe dovuto partecipare ai confronti prima del referendum e non appoggiare in modo sbrigativo Marchionne.

Il ritorno della satira politica in tv. Venerdì sera Canale 5 ha trasmesso la prima puntata della nuova serie di Zelig. Il programma si avvale della collaborazione di Ficarra e Picone. Il duo comico interpretavano Angelino, così si chiama anche il ministro della Giustizia, e il suo compare. I due sono specializzati nella realizzazione di leggi ad personam. Ad un certo punto del numero si citava persino Silvio Berlusconi.

Paola Cortellesi si è occupata invece della parodia di Letizia Moratti, il sindaco di Milano. Secondo Dagospia la vera Moratti avrebbe già chiesto di essere presente nelle prossime puntate di Zelig. La campagna elettorale per le comunali di Milano comincerà tra poche settimane.