Le pagelle del martedì

Gianni Alemanno: podestà. Voto 3. Il sindaco capitolino azzera la Giunta. Ma Parentopoli Atac è solo l’iceberg della valanga di assunzioni in campagna elettorale prima delle elezioni regionali. Clientelismo pro voto. Figli della lupa crescono. Sul Campidoglio sventola bandiera “nera”. Mario Borghezio: spostato. Voto 3. Bossi scalda i motori in vista delle possibili elezioni anticipate

Gianni Alemanno: podestà. Voto 3. Il sindaco capitolino azzera la Giunta. Ma Parentopoli Atac è solo l’iceberg della valanga di assunzioni in campagna elettorale prima delle elezioni regionali. Clientelismo pro voto. Figli della lupa crescono. Sul Campidoglio sventola bandiera “nera”.

Mario Borghezio: spostato. Voto 3. Bossi scalda i motori in vista delle possibili elezioni anticipate e l’europarlamentare leghista Mario Borghezio apre le danze: “L’Abruzzo come il Sud, è solo un peso morto”. Fra sparate e deliri. Il Senatur poi passa all’incasso dei voti. Insieme al “Trota”.