Fiumicino, traffico internazionale di stupefacenti: sgominata la “banda dei facchini”, 34 persone arrestate

Maxi operazione a Fiumicino contro il traffico internazionale di droga: 34 persone sono finite in manette, cinquanta risultano indagate.


Dopo il grande sequestro di ieri – 16 chilogrammi di cocaina ed eroina per un valore complessivo di 3 milioni di euro – l’aeroporto di Fiumicino è stato oggetto in queste ore di una nuova maxi-operazione collegata al traffico di droga.

I carabinieri del comando Provinciale di Roma hanno scoperto e sgominato un gruppo criminale composto da 50 persone dedito al traffico internazionale di stupefacenti, droga proveniente dalla Colombia e fatta arrivare in Italia grazie alla complicità di tre dipendenti di una ditta di facchinaggio impiegata presso l’aeroporto.

I tre, stando a quanto reso noto dalle autorità, avrebbero aiutato tre diversi gruppi criminali di Roma – attivi tra Cinecittà, Montesacro e Monteverde, in questa occasione uniti in un unico sodalizio – intercettando per mesi i pacchi contenenti la droga e riuscendo a portarli fuori dall’aeroporto evitando i controlli della dogana.

L’operazione, che ha visto coinvolti oltre 250 agenti, ha portato all’arresto di 34 persone (gli indagati sono 50) accusate a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti e al sequestro di un impianto di autodemolizione, di una sala scommesse e di un solarium – luoghi usati per il deposito e lo smercio della droga – e di otto mezzi di trasporto tra automobili e moto.

Via | Roma Capitale News
Foto | ©TMNews