La Guardia di finanza nelle sedi Equitalia e Inps: 5 indagati e 29 perquisizioni

Le Fiamme Gialle hanno perquisito anche gli uffici di Francesco Pasquino, attuale direttore regionale per la Liguria di Equitalia Nord ed ex direttore di Equitalia Lazio. I nomi degli indagati.

di remar

    AGGIORNAMENTO 14.52 – Gli indagati sono Roberto Damassa, ex dirigente di Equitalia, Salvatore Fedele, dipendente dell’agenzia, il commercialista Domenico Ballo, l’imprenditore Romolo Gregori e il consulente Alberto Marozzi. Non risulta indagato Francesco Pasquini, che all’epoca dei fatti contestati era direttore regionale Lazio di Equitalia Sud, anche se stamattina i suoi uffici alla Direzione generale Liguria di Equitalia Nord sono stati perquisiti. I pm della Procura di Roma parlano di un’attività corruttiva “minuta e sistemica” fino alla primavera del 2012: mazzette da 1000 euro massimo pagate ai funzionari di Equitalia in cambio di un ammorbidimento sulle posizioni esattoriali dei soggetti coinvolti nell’inchiesta.

La Guardia di finanza ha eseguito questa mattina 29 perquisizioni nelle sedi di Equitalia e Inps di Roma, Napoli, Latina, Venezia, Genova e di altre città italiane, su mandato della procura di Roma che sta indagando per corruzione. Nel registro degli indagati sono finite finora 5 persone.

Le Fiamme Gialle hanno perquisito tra l’altro gli uffici di Francesco Pasquino, direttore regionale per la Liguria di Equitalia Nord, nonché ex direttore regionale di Equitalia Lazio, e gli uffici di funzionari dell’agenzia nazionale di riscossione di Roma e Tivoli.

Secondo l’accusa gli indagati, dietro promessa di somme di denaro, avrebbero garantito agevolazioni finanziarie a imprenditori e professionisti, accogliendo le loro richieste di rateizzazione di cartelle esattoriali pur in assenza dei necessari requisiti.

In più i soggetti coinvolti nell’inchiesta avrebbero interferito nelle procedure di versamento dei contributi previdenziali, alterandole, per ottenere la rinuncia, da parte di Equitalia, ad adottare procedure di esecuzione immobiliare.

Equitalia in una nota garantisce la massima collaborazione con gli inquirenti:

In merito alle notizie relative alle perquisizioni in corso in alcuni uffici territoriali, si precisa che Equitalia sta già collaborando con gli inquirenti affinché venga fatta piena luce sui fatti oggetto di indagine e sulle eventuali responsabilità. A tal fine, rimarrà a disposizione per fornire tutti i documenti e le informazioni necessari e procederà a porre in essere le opportune iniziative a tutela della funzione pubblica dell’agente della riscossione e della propria immagine.

L’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto di Roma Nello Rossi, è condotta dai pubblici ministeri Francesca Maria Loy e Francesco Ciardi.

I Video di Blogo