Franco Fiorito condannato a 3 anni e 4 mesi di carcere

Per “Batman” anche l’interdizione per 5 anni dai pubblici uffici

di guido

Arriva a conclusione la vicenda giudiziaria di Franco Fiorito, detto “er Batman”, l’ex capogruppo Pdl alla Regione Lazio coinvolto nello scandalo dei rimborsi elettorali che ha fatto saltare la giunta Polverini. Fiorito, giudicato con il rito abbreviato, è stato condannato a 3 anni e 4 mesi di carcere con l’accusa di peculato per essersi impossessato di oltre 1 milione di euro destinato al gruppo Pdl in consiglio regionale. Per lui il gup ha deciso anche l’interdizione per 5 anni dai pubblici uffici. L’accusa aveva chiesto una condanna a 5 anni di carcere.

La vicenda di Franco Fiorito, ex sindaco di Anagni diventato nel 2010 recordman di preferenze alle regionali del Lazio, scoppia nel luglio scorso. L’allora capogruppo, sul punto di essere sostituito, denuncia le anomalie nei rimborsi spese del Pdl in consiglio. Come si scoprirà ben presto, quando Fiorito verrà sollevato dal ruolo di capogruppo, era proprio lui a dirigere un sistema consolidato che gli consentiva di appropriarsi dei fondi destinati al partito e al gruppo consiliare, dirottandoli sui suoi conti personali.

In due anni, Fiorito aveva fatto 109 bonifici dal conto del Pdl al proprio, per un ammontare totale di 750.000 euro, giustificandoli come rimborsi spese. Intanto le indagini aperte su di lui avevano svelato tutto il sistema di distrazione fondi all’interno del consiglio regionale del Lazio, con le spese pazze dei consiglieri (Fiorito in testa) per cene di lusso, ostriche e feste. Il 24 settembre 2012, al culmine dello scandalo, Renata Polverini azzera la giunta e si dimette.

Intanto Fiorito viene arrestato e sulla sua testa arriva anche l’accusa di associazione a delinquere. Ma soprattutto, anche per via della sua fisicità e del suo accento, diventa l’icona del malcostume della “casta” dei consiglieri regionali (da lì partiranno altri scandali su altre giunte) e i giornali fanno a gara a cercare eventi curiosi o poco chiari nel suo passato, a partire da quel soprannome “Er Batman” così poco calzante con il suo aspetto.

I Video di Blogo