Como, arrestato don Marco Mangiacasale: prete accusato di violenza sessuale su parrocchiana minorenne

Como, presunti abusi sessuali continuati su una minorenne: arrestato Don Marco Mangiacasale, economo della Diocesi.


Don Marco Mangiacasale, di 48 anni, economo della diocesi di Como, è stato arrestato ieri ad Abbadia Lariana nel Lecchese con la pesante accusa di violenza sessuale continuata su una minorenne.

L’arresto, eseguito dalla polizia giudiziaria della Procura di Como, arriva a seguito della denuncia dei genitori della ragazzina che frequentava le attività parrocchiali. I fatti oggetto di indagine riguardano un periodo compreso tra il 2008 e il 2012.

Dopo il comunicato ufficiale dal procuratore della Repubblica di Como, Giacomo Bodero Maccabeo, che informava dell’arresto del prete, il vescovo di Como, monsignor Diego Coletti, ha rimosso don Marco da ogni incarico. La Curia di Como in una nota esprime «costernazione per la vicenda che vede coinvolto il sacerdote don Marco Mangiacasale».


Prima di diventare economo della diocesi don Mangiacasale è stato parroco di San Giuliano a Como, dal 2003 al 2009. La minorenne presunta vittima degli abusi del prete avrebbe confidato tutto al nuovo parroco di San Giuliano, il quale ha poi avvisato i genitori della ragazzina che hanno sporto denuncia una settimana fa. Gli investigatori hanno anche sequestrato materiale informatico e documenti ritenuti utili alle indagini.

La procura di Como ha comunicato anche di aver avvisato con tempestività l’Ordinario Diocesano. Nella nota diffusa dalla Curia si legge che in base alla prassi canonica e alle recenti posizioni della Santa Sede in materia di presunti abusi e violenze a sfondo sessuale «verrà avviato il procedimento giudiziario ecclesiastico nei confronti del sacerdote».

Il vescovo ha espresso l’intenzione di «seguire con paterna sollecitudine tutti i fattori rilevanti della complessa vicenda, nel rispetto dovuto al lavoro svolto dalla Magistratura inquirente e giudicante, e con la doverosa attenzione per tutte le persone implicate nei fatti incriminati, a cominciare da coloro che hanno promosso la causa sporgendo accusa».

Don Mangiacasale da ieri si trova nel carcere di Como, sorvegliato vista. Alla notifica dell’ordinanza di custodia cautelare il prete economo sarebbe rimasto sbigottito, poi si sarebbe chiuso nel silenzio. Dovrebbe essere interrogato dal Gip all’inizio della prossima settimana.

Foto | Flickr