Giro del mondo a bordo dei blog

Prosegue il nostro viaggio in giro per il mondo, con alcune interessanti segnalazioni di news dal mondo!America Latina ci parla di Jorge Troccoli, il torturatore uruguayano arrestato il 24 dicembre a Salerno. Mentre Arigatò ci parla della stanza in stile giapponese che si chiama washitsu. Breaking London ci segnala invece i siti dove potete scatenarvi

globe%20italy-thumb26.jpg

Prosegue il nostro viaggio in giro per il mondo, con alcune interessanti segnalazioni di news dal mondo!

America Latina ci parla di Jorge Troccoli, il torturatore uruguayano arrestato il 24 dicembre a Salerno. Mentre Arigatò ci parla della stanza in stile giapponese che si chiama washitsu.

Breaking London ci segnala invece i siti dove potete scatenarvi per trovare il club o il festone che fa per voi a Londra, magari evitando di congelare sulle rive del Tamigi.

(Re)Think America ci spiega come ad oltre due anni dall'uragano Katrina, l'economia di New Orleans ancora stenti a ridecollare. Fuori dal Ghetto ci parla di come vivono felici e osservano lo Shabbat gli israeliani: le meraviglie della tecnologia arriva infatti in soccorso agli ebrei ortodossi e permette loro di vivere il giorno del riposo in modo confortevole ma senza infrangere la Legge.

Visti da Lontano ci fa rivivere il 2007! Mentre Mysterium ci parla del governo britannico che avrebbe intenzione di divulgare nella prossima  primavera i particolari di decine di avvistamenti di oggetti volanti non identificati, fino a questo momento tenuti segreti.

Sostenibile ci segnala che dopo l'odierno attentato che è costato la vita a Benazir Bhutto, decine di migliaia di persone si sono riversate per le strade per protestare contro il regime di Musharraf.

Il Professor Echos ci mostra invece come è la situazione ambientale del fiume Citarum, in Indonesia, il fiume più inquinato del mondo.  

Il Blog Al Nord del Mondo ci parla della situazione delle donne in Norvegia che devono contare di più: nei consigli di amministrazione delle società devono essere il 40 per cento. L'azienda che non rispetta la legge, chiude.