Veritometro: Calderoli, lo scioglimento delle Camere e il gioco delle parti

“Il potere di scioglimento delle Camere e’ solo del Presidente Napolitano” Roberto Calderoli Scoprite perchè dopo il saltoIl colonnello della Lega Nord Roberto Calderoli ha oggi criticato le polemiche di ieri sulle prerogative del Capo dello Stato e il “Me ne frego!” di Denis Verdini, dichiarando: “Due errori, nei confronti del Colle e della Costituzione:

“Il potere di scioglimento delle Camere e’ solo del Presidente Napolitano”

Roberto Calderoli

Scoprite perchè dopo il salto

Il colonnello della Lega Nord Roberto Calderoli ha oggi criticato le polemiche di ieri sulle prerogative del Capo dello Stato e il “Me ne frego!” di Denis Verdini, dichiarando:

“Due errori, nei confronti del Colle e della Costituzione: ha sbagliato Fini a prevedere che non si andra’ ad elezioni, travalicando le prerogative del Presidente della Repubblica e ha sbagliato Verdini a dire che le prerogative dei partiti possono travalicare quelle del Presidente. Il potere di scioglimento delle Camere e’ solo del Presidente Napolitano

Calderoli in questa circostanza afferma il vero. L’articolo 88 della Costituzione Italiana riporta infatti testualmente:

Il Presidente della Repubblica può, sentiti i loro Presidenti, sciogliere le Camere o anche una sola di esse. Non può esercitare tale facoltà negli ultimi sei mesi del suo mandato, salvo che essi coincidano in tutto o in parte con gli ultimi sei mesi della legislatura

Fin qui, tutto banale. Se non fosse che si tratta dello stesso Roberto Calderoli che in agosto, a Pontida, dichiarava l’esatto contrario, tanto da meritarsi un Veritometro di Polisblog:


Caso di schizofrenia politica o semplice gioco delle parti tra Lega e PdL, che si alternano nei ruoli di poliziotto buono e cattivo nei confronti del Colle? Alcuni indizi fanno propendere per la seconda ipotesi: se oggi è infatti il “mite” ministro leghista a bacchettare il “sovversivo” coordinatore PdL, ad agosto avveniva il contrario – come dimostra un altro Veritometro di allora: