Liberi i bambini ostaggio in un asilo di Reggio Calabria

Siamo abituati a sentire storie del genere dall’America, dove il cinema (poliziesco) ha un forte impatto sulla cultura delle persone. Ma purtroppo questa mattina il fatto è accaduto proprio nel nostro mezzogiorno: un uomo, pare per problemi economici, ha preso in ostaggio tre bambini e una maestra e si è barricato in un asilo chiedendo

di jacopo

Siamo abituati a sentire storie del genere dall’America, dove il cinema (poliziesco) ha un forte impatto sulla cultura delle persone. Ma purtroppo questa mattina il fatto è accaduto proprio nel nostro mezzogiorno: un uomo, pare per problemi economici, ha preso in ostaggio tre bambini e una maestra e si è barricato in un asilo chiedendo una somma di denaro per il riscatto.

Per entrare nella struttura Cristian Familiari (32 anni) si è finto padre di un bambino, e alle 9,15 ha minacciato con un taglierino la maestra bloccando le uscite dell’asilo “Il Girotondo” di Reggio Calabria: solo grazie un blitz di alcuni poliziotti, durante le trattative con le forze dell’ordine, è terminata la follia del’uomo durata ben sette ore.

I bambini e la maestra stanno bene per fortuna; qui trovate le immagini dell’asilo girate da SkyTG24, e qui le parole di rivendicazione dell’uomo durante il suo folle gesto. Alice riporta un passaggio sulla felice fase conclusiva della giornata:

Alla fine, messi in salvo i bimbi, è stato complicato gestire il trasporto di Familiari per evitare il contatto tra lui e la folla inferocita. Visibilmente provato, all’uscita dall’asilo di via Bolzano, il sindaco Scopelliti ha sottolineato “la grandissima opera della maestra che è riuscita a tenere tranquilli i bimbi per tutto il tempo della vicenda, al pari dei bambini stessi, il cui comportamento è stato esemplare. Comprendo ogni tipo di difficoltà – afferma il sindaco – che possa abbattersi su un uomo, ma un gesto di questo genere supera di gran lunga ogni logica e comprensione”.

Via Corriere.it