Omicidio Lucia Bellucci, perizia psichiatrica per Vittorio Ciccolini

Vittorio Ciccolini, reo confesso dell’omicidio dell’ex fidanzata Lucia Bellucci, sarà sottoposto a perizia psichiatrica.


Vittorio Ciccolini, il penalista di 45 anni in carcere per l’omicidio dell’ex fidanzata Lucia Bellucci, uccisa lo scorso 9 agosto dopo una cena, non sarà processato con rito immediato. La richiesta, presentata dal procuratore Giuseppe Amato, è stata respinta oggi dal gip Francesco Forlenza, che ha deciso di accogliere una delle richieste presentate dalla difesa dell’uomo e disporre una perizia psichiatrica.

Andare subito a processo, ha dichiarato il giudice, pregiudicherebbe le indagini che sono ancora in corso, specie sul fronte del profilo psicologico dell’imputato. E proprio per questo motivo è arrivato l’ok per la perizia psichiatrica, che sarà affidata a uno specialista ancora da nominare.

La perizia dovrà stabilire se, come sostenuto dalla difesa, la fine del rapporto con Lucia Bellucci turbò Ciccolini al punto da fargli perdere la capacità di intendere e di volere, portandolo ad uccidere la sua ex fidanzata.

Intanto, in attesa che venga nominato il perito, le indagini proseguono e Ciccolini, reo confesso, resta rinchiuso in carcere.

Ultime notizie su Inchieste e processi

Tutto su Inchieste e processi →