Salerno: falso povero presta 6,4 milioni di euro

Dal banchiere abusivo, del tutto sconosciuto al fisco, si recavano sia imprenditori in difficoltà sia semplici privati. La Gdf: evasi 9 milioni.

di remar

Un falso povero aveva messo su un’attività bancaria abusiva nel basso Cilento, concedendo prestiti per 6,4 milioni di euro pur senza applicare tassi usurari.

Dal lui andavano imprenditori in difficoltà o protestati ma anche chi, semplicemente, doveva affrontare spese che non poteva permettersi, come ad esempio quelle per un matrimonio.

A scoprire l’attività finanziaria abusiva sono state le Fiamme gialle di Salerno che hanno denunciato l’uomo anche per una evasione fiscale stimata in 9 milioni di euro.

Gli investigatori hanno ricostruito i movimenti di denaro del finto povero a partire dai 424 assegni emessi nel triennio 2004-2006. L’indagato, convinto di sfuggire ai controlli, aveva presentato dichiarazioni dei redditi irrisorie per quel biennio mentre per gli anni 2007, 2008 e 2009 ha omesso di presentare i modelli dichiarativi obbligatori.

A carico del finto povero, denunciato all’autorità giudiziaria di Vallo della Lucania per i reati di infedele presentazione della dichiarazione dei redditi e omessa presentazione della dichiarazione dei redditi, è stato chiesto un sequestro “per equivalente” pari a 2,7 milioni di euro.

© Foto TMNews

I Video di Blogo